Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Speciale Uva e Vino

Novello: si può bere a Natale?

di
Pubblicato il: 16-11-2004

Il novello è veramente un vino? Fino a quando si può tenere in cantina? E come riconoscere la qualità? Tanti consigli per gustare al meglio la bevanda del momento.

Sanihelp.it - Sgomberiamo il campo da dubbi, il novello è un vino a tutti gli effetti, « Nella sua vinificazione si evita solo la fase dell'invecchiamento perché non si estraggono dalle bucce dell'uva le sostanze che si evolvono nel tempo e che contribuiscono a formare il gusto classico del vino» spiega a Sanihelp.it Sandro Nalli Consulente Enologo di Winemaking.

Se non vogliamo rischiare brutte sorprese affidiamoci alle cantine rinomate. «Perché», continua l’esperto, «la qualità del prodotto è il risultato della qualità delle operazioni. Come per gli altri vini, una cantina che ha degli standard qualitativi elevati dovrebbe produrre anche un buon novello».

Non esistono diverse tipologie, il novello è uno solo ma non tutti i vini sono uguali. «Le differenze possono derivare dai diversi vitigni di provenienza, da fattori climatici e da diversi sistemi di coltivazione della pianta. Inoltre ci possono essere delle interpretazioni del protocollo che possono creare minime differenze tra i novelli. Nonostante ciò nel novello c’è il rischio di un appiattimento del gusto: i novelli rischiano di essere tutti simili», ammonisce l’enologo, «poiché gli aromi più presenti sono quelli derivanti dalla fermentazione che non varia molto in base alla varietà di uva utilizzata.

È un vino che non va bevuto oltre l’anno successivo dalla sua commercializzazione. Soprattutto perché dopo questo periodo inizia a perdere l’aroma.

Prima di concludere un ultimo suggerimento per conservare le nostre bottiglie al meglio. «Un luogo ideale per conservare meglio il vino novello è un posto buio in cui si possa mantenere una temperatura costante di 20 °C con una umidità dell'80%. Il periodo più critico per un novello è l'estate», conclude Nalli, «poiché il caldo facilita la perdita degli aromi».



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti