Le parole pi¨ cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Un test del sangue ti dice se morirai entro cinque anni

di
Pubblicato il: 27-02-2014
Un test del sangue ti dice se morirai entro cinque anni © photos Sanihelp.it - L'essere umano è da sempre conosciuto per la sua sensibilità, che lo porta a chiedersi domande escatologiche spesso senza risposta. Chi siamo? Dove andiamo? Cosa c'è dopo la morte? Si può dire che la filosofia stia tentando da tempi immemori a dare una risposta a questioni di tale genere: così come la religione, che riconduce il tutto ad una questione di fede verso Dio nonostante non esistano prove tangibili della sua effettiva presenza.

Un'altra incognita che assilla l'essere umano è: quando arriverà la nostra ora? In altre parole: quando moriremo? Spesso la signora con la falce è vista come uno scheletro con ben poco senso dell'umorismo: le persone vivono facendo grandi progetti, risparmiando per i motivi più disparati, o tendendo a sogni che magari, una volta raggiunti, non avranno il tempo di godersi. I più scaramantici tra i lettori a questo punto si staranno abbandonando ad ogni genere di scongiuri, ma purtroppo beffe di questo tipo capitano ogni giorno. La domanda a questo punto sorge spontanea: se conoscessimo esattamente il momento in cui moriremo, ci comporteremmo in maniera diversa? Se sapessimo che passeremo a miglior vita, diciamo, entro cinque anni, faremmo figli? Perderemmo tempo ad andare a lavorare per guadagnar denaro che non avremo tempo di spendere? Cosa fareste?

Il lasso di tempo di cinque anni, considerato nel quesito precedente, non è affatto casuale. Sulla rivista scientifica Plos Medicine è comparso uno studio congiunto di varie università finlandesi ed estoni, quali l'Università della Finlandia Orientale e quella di Oulu, i cui risultati sono a dir poco sorprendenti. Questi ricercatori hanno messo a punto un test che prevede, con assoluta certezza, se si morirà entro cinque anni: vale a dire, se individui apparentemente sani presentano in realtà alcuni valori che esprimono salute precaria.

Lo studio è avvenuto su 17000 soggetti sani: sono stati poi monitorati i valori degli individui che nel frattempo erano deceduti, col metodo della spettrometria a risonanza magnetica nucleare, capace di esaminare i livelli di concentrazione di centinaia di molecole ematiche. Grazie dunque ad un semplice test del sangue, sono stati isolati quattro bio-indicatori che farebbero la differenza per individuare una potenziale minaccia alla salute: l'albumina, una glicoproteina acida, il citrato ed una lipoproteina. Sono tutte sostanze generalmente presenti nel sangue: ciò che li rende marcatori utili per la macabra previsione sarebbero i livelli di concentrazione degli stessi, che indica un potenziale insorgere di una svariata gamma di malattie, tra cui patologie cardiovascolari e cancro.

La cosa curiosa è che questi valori sarebbero indipendenti da variabili che sono invece solitamente considerati fondamentali per il livello di fragilità generale di un organismo: età, fumo, alcol, obesità e sedentarietà non modificherebbero significativamente tali valori. Questa scoperta risulta particolarmente importante, poiché un semplice, e poco costoso, prelievo del sangue può individuare i rischi per la salute di un individuo: e finora solo il livello di albumina erano considerati indicatore importante per valutare la salute generale dell'essere umano. Ora il vero quesito è: chi avrà mai il coraggio di sottoporsi ad un test simile?  
FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Plos Medicine, UniversitÓ della Finlandia Orientale, UniversitÓ di Oulu

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
2.64 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?

Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti