Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Scoperta proteina che ritarda l'invecchiamento

di
Pubblicato il: 03-03-2014
Scoperta proteina che ritarda l'invecchiamento © Photos.com Sanihelp.it - Prevenire o ritardare l’insorgenza di malattie legate all'età, permette non solo di prolungare l’esistenza, ma anche di migliorare significativamente la qualità della vita e ridurre l’impatto economico sul sistema sanitario nazionale.

Proprio in quest’ottica si è mosso lo studio eseguito da un gruppo di ricercatori americani del National Insitute of Aging di Baltimora, dove è stato scoperto un prezioso alleato nella lotta contro l’invecchiamento: la Sirtuina 1 (SIRT1).

Questa proteina, una delle sette ad azione metabolica possedute dai mammiferi, esercita infatti importanti benefici sulla salute e sulla durata della vita, ritardando l’insorgenza di malattie metaboliche legate all’età (come sovrappeso, obesità, colesterolo cattivo e diabete) e migliorando la salute generale.  

Lo studio, pubblicato pochi giorni fa sulla rivista scientifica Cell Reports, si è focalizzato in particolare sull’attivatore della Sirtuina 1, la molecola SRT1720, in grado di stimolare e potenziare l’azione di questo enzima.

I risultati della ricerca hanno dimostrato che la somministrazione dell’attivatore specifico per la Sirtuina 1, ovvero SRT1720, ha contribuito in sei mesi ad aumentare la durata media della vita dell’8,8%, riducendo nel contempo l’incidenza dell’ischemia e della perdita di funzioni cardiache associate con l’invecchiamento. E non solo.

L’azione della molecola SRT1720, potrebbe infatti essere responsabile anche del miglioramento della coordinazione motoria, della diminuzione dei livelli di glucosio (spesso causa, tra gli anziani, dell’insorgenza del diabete di tipo 2) e di colesterolo cattivo nel sangue, come rilevato proprio nel corso della ricerca.

Seppur i dati dimostrano come SRT1720 contribuisca ad aumentare la durata e la qualità della vita, gli autori dello studio sono concordi nel considerare i benefici derivati da questa terapia sperimentale come supporto ad uno stile di vita controllato, soprattutto in relazione al mantenimento di un regime alimentare corretto e ad un’attività fisica adeguata.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Cell Reports

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
4.25 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti