Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Incidente

Fiorello dimesso dall'ospedale

di
Pubblicato il: 11-03-2014

Lo showman sta migliorando dopo l'incidente in scooter. Per lui i medici hanno deciso una dimissione protetta: sarà monitorato a casa.

Fiorello dimesso dall'ospedale © Web Sanihelp.it - Il tre marzo scorso Rosario Fiorello ha investito in scooter un settantatreenne, a Roma, rimanendo però a sua volte ferito nell’incidente. Come descritto in una nota del Policlinico Gemelli, dove era stato portato in codice rosso, aveva riportato «un trauma cranico con ferita lacero contusa frontale». Pur vigile, era stato quindi ricoverato per precauzione in terapia intensiva e la ferite è stata suturata in sala operatoria.
 
«È in una situazione di dolore molto forte, il trauma cranico è fortissimo. Ma sta bene, non rischia la vita. Deve restare sotto controllo perché il trauma è molto importante» sono state alcune delle primissime dichiarazioni del fratello Beppe alla stampa, che non ha mancato però di ricordare anche l’altro ferito, il signor Mario, al quale da subito Fiorello ha fatto avere le proprie scuse e della cui salute si è sempre informato, per quanto questo non gli abbia risparmiato dure critiche soprattutto via web.  
 A una settimana dall’incidente, martedì 10 marzo, contrariamente alle iniziali previsioni che parlavano di un ricovero di almeno due settimane, lo showman è stato dimesso dall’ospedale. I medici del Policlinico, annunciando le dimissioni, hanno parlato di un Fiorello «emotivamente provato» che avrebbe richiesto espressamente di tornare a casa. Probabilmente a pesare su di lui anche la preoccupazione per le condizioni dell’anziano investito, che resta ricoverato in clinica, dove ha già subito alcuni interventi chirurgici.
 
Proprio in considerazione della sua richiesta e anche delle condizioni cliniche in via di miglioramento, i medici hanno quindi optato per una «dimissione protetta a domicilio dove verrà continuato un assiduo monitoraggio clinico da parte dell'équipe di Neurochirurgia, coordinata da Giulio Maira».
 
Ha lasciato l’ospedale sulla sedia a rotelle, perché accusa ancora capogiri e fatica a stare a lungo in piedi, ma ha detto di voler tornare a stare bene. La ferita alla fronte verrà medicata quotidianamente fino alla rimozione dei punti di sutura, per la quale ci vorranno ancora, secondo i medici, sette giorni. Avrà con tutta probabilità bisogno di più tempo per superare lo shock emotivo.
FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Adnkronos

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
1.2 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?

Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti