Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Tre minuti di riflessione

Tre minuti di pausa contro il mal di testa da stress

di
Pubblicato il: 18-03-2014

Un recente studio svela un legame tra lo stress e il mal di testa. Questo è - insieme all'ansia - uno dei sintomi di uno stato di stress. Il consiglio della specialista.

Tre minuti di pausa contro il mal di testa da stress © Thinstock Sanihelp.it - Secondo uno studio della tedesca Università di Duisburg-Essen lo stress aumenterebbe il rischio di soffrire di mal di testa. Lo studio ha coinvolto più di cinquemila individui di età compresa tra i 21 e i 71 anni. In quattro occasioni all’anno per due anni ai volontari è stato chiesto di individuare il proprio livello di stress su una scala da zero a cento; indagando poi se soffrissero di mal di testa è emerso che il 31% dei partecipanti era colpito da cefalea tensiva, il 14% di emicrania, l'11% di un mix tra le due e il 17% di una forma non classificata di cefalea.
 
«Lo stress provoca mal di testa e il dolore ci fa diventare ancora più stressati. La recente scoperta dei ricercatori tedeschi evidenzia l'importanza di guardarsi con l'occhio attento di un ricercatore e valutare se ciò che si sta facendo, il modo in cui si sta vivendo, ci rende veramente felici. Oggi molti hanno dato alla propria esistenza una impostazione di tipo compulsivo, dunque è quanto mai essenziale fermarsi un attimo a riflettere. Una riflessione che va fatta tre minuti al giorno», sottolinea la dottoressa Paola Vinciguerra, psicoterapeuta presidente dell'Eurodap (Associazione Europea Disturbi da Attacchi di Panico).«Il mal di testa è uno dei primi sintomi insieme all'ansia di uno stato di stress. Lo stress cronico è da considerare come uno dei fattori più rilevanti nello sviluppo delle malattie più diffuse nei Paesi industrializzati: malattie cardiovascolari, tumori, broncopneumopatie croniche ostruttive, cirrosi epatica, malattie intestinali, che nell'insieme costituiscono più del 70% delle cause di morte. Tra i disturbi causati dallo stress anche l'ipertensione che, oltre alle malattie cardiovascolari, può essere causa di diabete e infarto. Lo stress porta a una sorta di contrazione. L'organismo reagisce come se dovesse far fronte a una situazione di pericolo, quindi si irrigidisce. I primi sintomi riguardano proprio questo senso di irrigidimento: mal di testa, vertigini, tensioni muscolari, insonnia. Poi, quando lo stress diventa ansia, i sintomi si estendono anche alla sfera psico-emotiva. La persona inizia così a sperimentare un senso di soffocamento, tremori, agitazione, palpitazioni, se non vere e proprie crisi di panico, e anche depressione».
 
La dottoressa Vinciguerra consiglia di «guardarsi con l'occhio attento di un ricercatore e valutare se ciò che si sta facendo, il modo in cui si sta vivendo rende veramente. Una riflessione di tre minuti al giorno, che deve andare di pari passo con un'analisi dei reali bisogni e desideri. È importante che l'individuo capisca ciò che realmente vuole e combatta il desiderio di piacere agli altri, di vivere con il pensiero di rispondere alle aspettative altrui. Occorre riportare l'attenzione su se stessi: solo rispettando le proprie emozioni e i propri desideri si può vivere in tranquillità».


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Adnkronos

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
1.19 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti