Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Mettiamo a dieta Babbo Natale?

di
Pubblicato il: 20-12-2004

Quest'anno il pandoro ha un sapore diverso: quello di migliaia di calorie. Che sia la paura di cadere in tentazione? Nel dubbio mi preparo al contrattacco…

Sanihelp.it - Ormai ci siamo, tra 5 giorni è Natale.
L’emozione per i regali c’è, la voglia di festeggiare anche… eppure quest’anno mi sembrava ci fosse una nota stonata.
Fino a ieri era solo un piccolo tarlo che mi disturbava ogni volta che sentivo parlare di pranzo di Natale, di pandoro e di dolci, ma non ci facevo troppo caso.

Ieri pomeriggio, invece, ho capito.
Passeggiando per il centro addobbato a festa mi sono trovata davanti a bancarelle di croccante, caramelle, marzapane, frittelle calde alla Nutella… avrei mangiato tutto!

È stato un attimo: mi stavo già precipitando portafoglio alla mano verso quei dolci meravigliosi, senza sapere quale scegliere.
Ma poi qualcosa mi ha fermata, folgorata a metà strada. Se qualcuno mi avesse visto, potrebbe anche aver pensato a un infarto, e in effetti era qualcosa di simile.

In un attimo mi sono venute in mente, come in un film, le immagini di questi tre mesi: la fame dell’inizio, la soddisfazione a metà strada, le ricadute e le visite dal dietologo… sembra incredibile, ma in quel momento è stato il mio corpo a impedirmi di raggiungere le bancarelle. Si è proprio rifiutato!

So che potrebbe essere un’affermazione da analisi, ma è l’unica spiegazione che mi viene in mente.
Eppure gli altri anni me ne sono sempre fregata, rimandando i sensi di colpa a dopo le feste. Questa volta, che in quanto a peso potrei permettermi i vecchi vizi, non ci riesco proprio. Mi sembra di rovinare il lavoro fatto, e per avere in cambio solo qualche minuto di soddisfazione e un fisico da Babbo Natale.

In definitiva direi che si tratta di una semplicissima malattia: paura di ingrassare.
Non che io non voglia godermi il pranzo di Natale o qualche buon primo, ma tutti quei dolci che prima spazzolavo senza pensarci ora mi sembrano un peso inutile per il mio stomaco, e dopo un primo momento non mi ispirano più.
Certo che quel momento è pericoloso… non sapendo quanto durerà nei prossimi giorni non mi resta che aspettare.

Io nel caso ho già pronta una controffensiva per contrastare l’abbuffata natalizia: approfitterò dei cuginetti in visita per portarli al parco giochi. Avete presente quanto è faticoso correre dietro a quattro bambini under 5? Loro si divertiranno un sacco, e io sarò a prova di pandoro.
Buon Natale a tutti!


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti