Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Per la bellezza dei capelli, arriva l'olio di sapote

di
Pubblicato il: 30-04-2014
Per la bellezza dei capelli, arriva l'olio di sapote © Thinstock Sanihelp.it - Dopo l'olio di argan e il burro di karité, la cosmesi scopre un altro tesoro della natura, destinato a diventare un nuovo ingrediente di punta nella cura di pelle e capelli. 

Viene dall’America Centrale ed è un olio già conosciuto dai Maya e dagli 
Aztechi per le proprietà organolettiche: è l'olio di sapote, ottenuto dalla spremitura a freddo del seme del frutto, che ricorda il sapore della mandorla amara. Per questo gli indigeni della Repubblica Dominicana chiamavano il frutto l'albicocca dei Caraibi. 

Utilizzato sin dall’antichità come lenitivo per gli occhi e la pelle irritati, ma soprattutto per la salute del capello, è arrivato solo di recente in Occidente, dove recenti test clinici hanno confermato la sua efficacia nel fermare la caduta dei capelli, causata in particolare dalla dermatite seborroica. 
 
L'olio di Sapote appartiene alla stessa famiglia delle Sapotaceae, alla quale appartiene anche l'argan e il karité. Gli indigeni del Centro America utilizzavano l'olio contenuto nel seme per proteggere i capelli affinché non si spaccassero e contemporaneamente si conservassero lucidi e brillanti.

La credenza popolare tramandano anche che l'olio di sapote era efficace per prevenire la caduta dei capelli, fortificandone la crescita.

Le attuali ricerche hanno valutato l'olio come ottimo principio attivo sia per la pelle che per il capello, in grado di restituire idratazione e brillantezza. La peculiarità è che questo prodotto viene assorbito rapidamente dalla cute apportando benefici alla microcircolazione del cuoio capelluto.

La sua composizione, estremamente ricca di vitamina A, proteine, ferro, 
potassio, calcio e all’alta concentrazione di vitamina C (due volte superiore a quella delle arance), lo rende particolarmente efficace nelle cure ricostituenti e antiossidanti. 

Grazie alla presenza di principi attivi come lo squalene, il beta-carotene, il tocoferolo, le vitamine A ed E, ma soprattutto gli acidi e alcoli triterpenici, l’olio estratto dal seme del sapote risulta un ottimo rimedio naturale, favorendo un’efficace idratazione del cuoio capelluto, una rinnovata attività ossigenativa e prevenendo l’indebolimento del fusto e del bulbo. 
 
L'olio puro si può usare come impacco nutriente o miscelarlo con un balsamo o una crema ammorbidente. 


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Saponificio Gianasso

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
2.45 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti