Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

I consigli del neuropsicologo

Mantenersi giovani, il ruolo della mente

di
Pubblicato il: 10-06-2014

L'età mentale influirebbe sull'età anagrafica e su quella biologica. Dai risultati di uno studio, il commento e i consigli anti-invecchiamento del presidente di Assomensana.

Mantenersi giovani, il ruolo della mente © Thinstock Sanihelp.it - Oltre all’età anagrafica e a quella biologica esiste anche un’età mentale, che sarebbe capace di influenzare le due precedenti. La nostra mente giocherebbe dunque un ruolo fondamentale negli anni effettivi o che si dimostrano.
 
A sostenerlo, i neuropsicologi dell’associazione non profit Assomensana, che da dieci anni di impegna in ricerche per il benessere della mente. La domanda, che pone il professor Giuseppe Alfredo Iannoccari, presidente Assomensana, è: «Può la percezione della propria età innescare un concetto di Sé più giovane o più vecchio e di conseguenza influenzare l’invecchiamento fisico e mentale? Secondo i dati raccolti in uno studio pubblicato su Perspectives on Psychological Science, la risposta a questa domanda è . Infatti, ad esempio, donne che pensavano di sembrare più giovani, dopo aver tagliato o tinto i capelli, mostravano sensibili modificazioni anche a livello fisiologico, come una marcata diminuzione della pressione arteriosa. Anche sottoposte al giudizio di valutatori esterni, queste persone apparivano più giovani rispetto alle coetanee che invece non si sentivano ringiovanite. Lo studio ha dimostrato che un cambiamento nella percezione della propria età è associato a modifiche fisiologiche, evidenti anche ad altri soggetti. Quindi, la percezione della propria giovinezza, almeno nello spirito, è un fattore della vita che possiamo influenzare».Oltre a intervenire sul proprio aspetto però ci sono altre strategie che possono essere di aiuto: «Per agire sull’età mentale, se non si ha il tempo o l’occasione per andare dal parrucchiere o dall’estetista, ci sono altri metodi che aiutano a ringiovanire che non sono legati alla bellezza». Il professor Iannoccari propone una serie di attività anti-aging:
 
- Sfogliare l’album delle foto di quando si era più giovani, senza fare valutazioni ma riconoscendo che in realtà quella persona siamo noi, soltanto migliorata con il passare degli anni.
- Trascorrere del tempo in allegria con amici e conoscenti.
- Farsi qualche regalo come gratificazione per ciò che abbiamo fatto di buono,
- Rilassarsi e trascorrere del tempo all’aria aperta.
- Mantenere la mente lucida e attiva con l’allenamento mentale.
 
«Quando si dice che ciò che conta non è l’età anagrafica ma quanti anni si sentono nello spirito lo si sapeva già da tempo, ma adesso la ricerca scientifica sembra aver confermato questa ipotesi» conclude il professor Giuseppe Alfredo Iannoccari.
FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Comunicato stampa Assomensana - www.assomensana.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.33 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?

Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti