Le parole pi¨ cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Dieta > News

Livelli ematici di vitamina D e tasso di mortalità

di
Pubblicato il: 17-06-2014
Sanihelp.it - Secondo un studio condotto presso l’università della California e  pubblicato sulla rivista American Journal of Public Health bassi livelli ematici di vitamina D si associano ad un aumento del tasso di mortalità prematura per tutte le cause.

Gli autori dello studio sono partiti dal presupposto che avere bassi livelli ematici di vitamina D può essere pericoloso per la salute: hanno quindi revisionato 32 studi che esaminavano il rapporto fra livelli di vitamina D e mortalità.
Hanno così analizzato i dati relativi a  circa 566.583 pazienti, di 14 paesi diversi,  età media 55 anni; hanno scoperto che bassi livelli di vitamina D aumentano il rischio di morte prematura per qualunque causa.

I livelli di vitamina D andrebbero dunque monitorati e ottimizzati anche attraverso l’integrazione nutrizionale: in generale si può affermare che nei pazienti carenti è sicuro e opportuno somministrare fino a  4000 UI (unità internazionali) al dì di vitamina D. 
FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Eurekalert

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?

Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti