Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Termalismo: un metodo di cura per la salute ed il benessere

di
Pubblicato il: 24-06-2014

Il confine tra inestetismi della pelle e patologie cutanee è spesso molto sfumato: le cure termali si propongono quindi come soluzione per un benessere totale.

Termalismo: un metodo di cura per la salute ed il benessere © Thinstock Sanihelp.it - «Credo fortemente che riuscire a trovare nella natura circostante gli elementi che possono aiutarci a vivere meglio, debba essere la strada maestra da seguire se vogliamo restare giovani il più a lungo possibile».

Questa la frase di esordio del professor Di Pietro, Presidente fondatore di ISPLAD (Società Internazionale di Dermatologia Plastica e Rigenerativa), nel corso dell’evento organizzato lunedì scorso presso Villa Necchi Campiglio per la presentazione del progetto DermoBenessere Termale, un nuovo programma che, grazie all’impiego della particolare acqua sulfureo salsobromoiodica delle Terme di Sirmione, permette di curare non solo le patologie cutanee ma anche gli inestetismi della pelle.

«È proprio nell’importante rapporto che lega l’acqua e la pelle che ha origine il termalismo – spiega la dottoressa Malasoma, specialista in Dermatologia e Idrologia medica – E oggi, la grande evoluzione che ha interessato la dermatologia e le cure termali, ha prodotto una nuova sinergia che permette di occuparci non solo di salute ma anche di benessere».

Com’è risaputo, i centri termali esistono sin dai tempi  degli antichi romani. È meno noto però che l’insieme dei trattamenti e delle tecniche per la cura del corpo, la cosmetologia, abbia un’origine altrettanto antica, e non sia affatto frutto degli studi e delle tecniche di produzione moderni.

«L’origine della cosmetologia è mistica perché le prime pratiche cosmetologiche (come la preparazione di unguenti) erano affidate ai sacerdoti, che peraltro erano anche medici e farmacisti – prosegue la dottoressa Malasoma – Il senso di queste tecniche è da ricercare nell’etimologia stessa della parola, che deriva dal greco kosmesis, il cui significato è 'ornare, abbellire', ma anche da kosmos, ovvero 'ordine, equilibrio'».

Dal momento che l’organo cutaneo risulta particolarmente sensibile alle cure termali, il termalismo si è quindi rivolto sempre più alla dermatologia per l’elaborazione di protocolli qualificati, che permettano di aiutare il paziente non solo a curare le problematiche dermocosmetologiche che manifesta, ma anche a ritrovare l’equilibrio per un benessere totale.

«La dermatologia ha risposto a queste necessità tramite un’evoluzione molto particolare, ovvero la creazione della dermatologia plastica, una nuova disciplina che si occupa delle cause e dei trattamenti degli inestetismi cutanei con un’assoluta attenzione al rispetto dell’integrità epidermica, ovvero evitando l’utilizzo di strumenti invasivi e cruenti».

Psoriasi, acne, dermatosi ed eczemi potranno quindi beneficiare delle cure termali grazie ai preziosi elementi contenuti nell’acqua delle Terme di Sirmione, ed in particolare allo zolfo, la cui azione cheratolpastica favorisce il ricambio degli strati più superficiali della pelle, al bromo, dall’azione antinfiammatoria e lenitiva, allo iodio, un antisettico naturale, al sodio e a tutti gli oligoelementi dall’azione antiossidante presenti nell’acqua.

«Bisogna però ricordare che non esiste un trattamento universale, perché le problematiche di ogni persona sono diverse – avverte il dottor Di Pietro – Individuando i fabbisogni di ognuno, si identificheranno quindi le tempistiche ed i quantitativi di fango e di acqua da utilizzare».

Anche per la correzione di imperfezioni ed inestetismi, il programma DermoBenessere propone l’impiego di una tecnologia d’avanguardia e affatto invasiva: le Terme di Sirmione saranno infatti il primo centro termale ad utilizzare la radiofrequenza quadripolare, un modernissimo sistema in grado di stimolare gli strati più profondi dell’epidermide per creare un’impalcatura più solida in guance, collo, interno-braccia e interno-coscia.

Senza dimenticare la possibilità di trattare (sempre in modo naturale) anche l’inestetismo più comune tra le donne: la cellulite.

Come spiega il dottor Di Pietro «la cellulite è grasso che trattiene acqua, una sorta di spugna inzuppata: come non si riesce a bruciare una spugna inzuppata d’acqua buttandola tra le fiamme, allo stesso modo non si riesce a eliminare la cellulite cercando di bruciarla con diete ferree ed attività fisica. Grazie alla scienza medica, abbiamo quindi capito che l’elemento su cui agire è l’acqua».

«Tramite delle micro-iniezioni superficiali con una semplice soluzione fisiologica arricchita di sali, saremo in grado di creare un gradiente osmotico (quindi un risucchio di liquidi) dall’interno verso l’esterno – conclude il professor Di Pietro – Impoverendosi di acqua, il grasso sarà come strizzato e potrà essere quindi eliminato tramite l’adozione di una dieta corretta e uno stile di vita attivo». 


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Conferenza stampa di presentazione del progetto DermoBenessere Termale (16 giugno 2014, Milano)

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti