Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Le dritte di due esperti

Bimbi in vacanza: le regole a tavola

di
Pubblicato il: 29-07-2014

Qualche trasgressione va bene, ma senza esagerare. Sì a frutta e acqua, no a zucchero e bibite. Occhio ai colori: nel piatto devono esserci tutti!

Bimbi in vacanza: le regole a tavola © Thinstock Sanihelp.it - In vacanza cambiano (spesso in peggio) le abitudini alimentari. Modificare l’alimentazione dei bambini, anche solo per un breve periodo, rischia però di abituarli a comportamenti non sani.

All’indomani del 70° Congresso italiano di pediatria, il professor Gianvincenzo Zuccotti, direttore della Clinica pediatrica Ospedale Sacco di Milano e membro del Comitato Scientifico per EXPO 2015, propone un pacchetto di regole alimentari da mettere in valigia.

Orari sfasati, meno attenzione alle regole e alle indicazioni dei pediatri portano spesso i genitori a commettere errori. Uno dei principali è l’eccesso di zucchero: la quasi totalità dei bambini già prima dell'anno di età ne consuma il limite raccomandato e, dopo il primo anno di vita, tutti ne assumono in eccesso.

Dare al bambino alimenti ricchi di zucchero non lo aiuta a impostare buone abitudini alimentari e può contribuire al rischio di sviluppare carie, obesità e patologie associate.

D’estate capita che i bimbi, se non allattati al seno, non abbiano voglia di bere bevande calde. Si tratta della tipica inappetenza mattutina che si risolve generalmente in pochi minuti. Basta aspettare, senza far mancare il primo pasto della giornata.

Il maggior movimento, i giochi all’aria aperta e il maggiore sforzo fisico comportano un aumentato consumo di calorie. I bambini però non hanno bisogno di ricostituenti o alimenti iperzuccherati e ipercalorici.

Lo spuntino dopo il gioco o il bagno al mare è importante ma deve essere controllato: patatine, gelati o merendine, se assunti con frequenza, tendono a sbilanciare l’equilibrio nutrizionale e deviare le preferenze del bambino. Meglio scegliere snack o merende specifiche per la sua crescita.

Essere in vacanza porta poi a consumare cibo fuori casa, inducendo i genitori a strappi alla regola. Attenzione però a non abituarli troppo: gli alimenti da adulti orientano il gusto dei piccoli verso un’alimentazione troppo dolce o salata, oppure troppo proteica, aumentando il rischio di sovrappeso e obesità.

L’estate è il momento ideale per far conoscere ai piccoli la frutta, un alimento naturalmente dolce, che fornisce un complesso di zuccheri, fibre, vitamine, minerali con un valore nutritivo ben superiore a quello fornito dal solo fruttosio in essa contenuto.

No quindi alla tentazione di insaporire le fragole con 2 o 3 cucchiaini di zucchero e sì ad alimenti senza zucchero aggiunto.

Occhio ai colori: rappresentare ogni giorno nel piatto uno o più colori aiuta a vivere in salute e prevenire disturbi futuri. 

Il verde acceso delle verdure a foglia è legato alla presenza di clorofilla, preziosa per la sua funzione antianemica e tonificante del cuore, come spiega la dottoressa Ester Giaquinto, medico specialista in scienza dell’alimentazione. 

Il bianco è associato a un alto contenuto di vitamina C, che si trova in frutti come banana, mela e pera bianca, uva bianca, o in verdure come cetrioli, cipolla, cavolfiore e finocchi.

Il rosso dei pomodori e dell’anguria è legato al contenuto di licopene, un pigmento dal forte potere antiossidante. Le albicocche, il melone e le carote devono il giallo-arancio alla ricchezza di betacarotene, che l'organismo trasforma in vitamina A.

Il viola dei mirtilli, dell’uva rossa, delle ciliegie e delle melanzane è tipico degli antociani, che hanno la proprietà di rinforzare e rendere più elastiche le pareti dei capillari, sono alleati della circolazione sanguigna e preziosi per la prevenzione delle malattie cardiocircolatorie.

Il giallo del mais dolce e di alcune varietà di zucchine indica la presenza di luteina e zeaxantina, efficaci anche per proteggere l’occhio da alcune malattie degenerative.

Attenzione infine a come reintegrare i liquidi. D'estate il corpo perde molti liquidi e sali minerali e brucia meno calorie. I genitori commettono l’errore di proporre ai figli bevande gassate e zuccherate, pensando che possano rifornire il corpo di sali minerali, zuccheri e vitamine. Invece non esiste liquido migliore dell'acqua minerale naturale. 


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
70° Congresso italiano di pediatria, Comitato Scientifico Acqua Panna

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti