Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

I consigli degli esperti

Bimbi: regole salva-denti per le vacanze

di
Pubblicato il: 05-08-2014

L'igiene orale non va in vacanza! Ecco le accortezze prima della partenza e in vacanza. Serve il dentista? Ecco le regole anti-panico.

Bimbi: regole salva-denti per le vacanze © Thinstock Sanihelp.it - D’estate il consumo maggiore di snack, succhi di frutta e gelati aumenta il rischio di carie e altri problemi del cavo orale. 

Molti genitori – sostengono i dentisti dell’Istituto Stomatologico Italiano di Milano -  tendono a trascurare i denti dei figli non solo per ragioni economiche, ma anche perché vittime di luoghi comuni spesso infondati.

Primo tra tutti, che i primi dentini non vadano tutelati perché tanto poi cadono. Nulla di più sbagliato! I denti decidui (da latte) sono fondamentali per il successivo sviluppo della bocca, sia per la funzione masticatoria, che per la crescita regolare della mandibola e della mascella e perché concorrono a una corretta eruzione dei denti permanenti. Sono anche una chiave importante nello sviluppo del linguaggio e della fonazione. 

Piccoli trucchi e semplici regole arrivano dai dentisti dell’Istituto di Via Pace di Milano, per trascorrere un’estate serena.
 
Anche se d’estate si è spesso fuori casa, è consigliabile lavare i denti almeno tre volte al giorno, dopo ogni pasto. In particolare, l’ultimo lavaggio prima di andare a dormire è il più importante perché durante il giorno l’azione antibatterica naturale della saliva aiuta a combattere la carie, mentre di notte i denti possono essere attaccati dai batteri con più facilità.

Fino a 6 anni si deve utilizzare un dentifricio contenente 500 ppm di fluoro, mentre dopo si può utilizzare un dentifricio contenente 1000 ppm. Anche se non sono ancora spuntati i primi dentini, è opportuno pulire le gengive con una garzina almeno due volte al giorno. Una volta fuoriuscito il primo dentino da latte, bisogna iniziare a pulirlo con uno spazzolino con setole molto morbide.
 
Evitare cibi fuori pasto e non eccedere con alimenti ricchi di zuccheri, come succhi di frutta, caramelle, gelati che facilitano la formazione della placca, annullando l’ azione dello spazzolino.
 
No ai biberon prima della nanna: questa abitudine è causa di carie, così come il ciuccio immerso in miele o zucchero. I genitori possono approfittare proprio del maggior tempo a disposizione per eliminare questa cattiva abitudine.
 
Con le corse e i giochi all’aria aperta, nel periodo estivo sono più frequenti i traumi e gli incidenti a carico dei denti. In caso di rottura di un grosso frammento o addirittura di perdita di un dente permanente, è necessario recarsi tempestivamente dal dentista.

Anche in caso di rottura di un dente da latte, è bene effettuare una visita, perché prima che il corrispettivo dente permanente sia cresciuto, potrebbe essere necessario l’uso di un mantenitore di spazio.

Prima di partire per le vacanze, soprattutto se si tratta di mete esotiche o verso Paesi con scarse condizioni igieniche, è raccomandabile effettuare una visita dal proprio dentista. Per i bambini che portano apparecchi ortodontici è buona norma accertare che i dispositivi siano in buono stato e non necessitino di manutenzione.

E contro l'ansia da dentista dei più piccolini, Samadent, gruppo di studi dentistici di Roma, dà qualche consiglio utile. 

L'odontofobia, la paura del dentista, può infatti degenerare in un vero e proprio terrore, al punto da rendere impossibile convincere  il bambino a sottoporsi anche a una semplice visita.

Ai genitori è consigliato innanzitutto di mascherare le proprie emozioni, se non si riesce è meglio restare fuori dall'ambulatorio. I bambini stanchi sono spesso più nervosi, quindi è meglio prenotare la visita la mattina.

Distrarre il bambino mentre aspetta il suo turno, cercare di farlo rilassare e divertire. Fare controlli periodici fin da piccoli aiuta il bambino a vivere il dentista come qualcosa di normale e non necessariamente legato al dolore o alla malattia. 

Importante la scelta dello specialista più giusto a trattare con i bambini: deve essere disponibile a dedicare ai piccoli anche intere sedute, avere uno studio accogliente e colorato, con giochi in sala d'attesa, coinvolgere i bambini durante ogni visita, facendosi aiutare in alcune manovre della poltrona. 

Utilizzare la sedazione cosciente inalatoria, una tecnica innovativa e priva di effetti collaterali e anallergica: consiste nel far inalare al bambino un mix di due gas, ossigeno e gas esilarante, attraverso apposite mascherine attive in grado di indurre un rilassamento generale, favorire la diminuzione dell'ansia e della sensibilità al dolore.

Utile infine un sottofondo musicale o un video adatti a distrarre i bambini anche nel corso della seduta.
FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Istituto stomatologico italiano, Samadent

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?

Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti