Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

La sedia ti sta uccidendo: tutti i rischi della sedentarietà

di
Pubblicato il: 31-07-2014
La sedia ti sta uccidendo: tutti i rischi della sedentarietà © Thinstock Sanihelp.it - Cosa non si farebbe per mantenere la propria occupazione in un'epoca in cui si è sempre più precari e c'è sempre maggiore competizione anche per posti solitamente considerati poco allettanti: orari di lavoro estenuanti, pausa pranzo di fronte al computer, disponibilità a lavorare nei weekend. Per non parlare di quanto la stanchezza fisica e mentale derivante da una settimana di dure responsabilità possa inficiare sulla nostra vita al di fuori dell'ufficio: è la pigrizia a farla da padrona, anche perché risulta opportuno riposare per non spendere troppe energie e non essere troppo indeboliti di fronte alla scrivania il giorno successivo.

L'endocrinologo originario dell'Arizona James Levine, della Mayo Clinic, ha fatto dal 1999 della lotta alla sedentarietà una specie di missione personale. Ultimamente il dottore americano ha condensato in un unico libro varie ricerche riguardanti proprio il tema della mancanza di attività fisica e di tutti gli effetti collaterali legati ad essa. La scoperta per certi versi sconcertante è che la sedentarietà è legata a ben 34 tipi di patologie differenti, che vanno dal diabete mellito al calo delle facoltà cognitive, dall'aumento del rischio di insorgenza di tumori a malattie cardiovascolari quali infarto del miocardio e ictus. Coerentemente con quanto detto fin qui, ha intitolato il suo libro «Alzati! Perché la tua sedia ti sta uccidendo e cosa puoi farci a riguardo».

Veniamo dunque ai rimedi teorizzati dal dottor Levine per fare in modo che la nostra sedia eviti di strangolarci come in un film horror di serie B. Il medico americano nel suo saggio parla proprio di «Sitting disease», ovvero di malattia dello stare seduti: per evitare di incappare in una tale patologia, sarebbe bene alzarsi e camminare 10 minuti per ogni ora spesa ad oziare in poltrona. Questo vale soprattutto per le persone più anziane, mentre per tutti quelli più in forma il consiglio è quello di svolgere un'attività fisica di almeno mezz'ora al giorno.

Se vi sembra un qualcosa di infattibile a causa del vostro stile di vita, o magari perché i film di solito in televisione durano più di un'ora e non potete perdervene neanche dieci minuti, gli escamotage per tutti coloro i quali non riescono a muoversi di casa più di tanto sono comunque molteplici e basta aguzzare l'ingegno per attuarne alcuni. Sempre il dottor Levine consiglia di muoversi per casa mentre si è al telefono, pratica che a molti di noi viene persino naturale e inconscia; guardare i programmi televisivi mentre si corre su di una cyclette; piegare la biancheria rigorosamente in piedi. Stigmatizzato e assolutamente non raccomandato lo shopping online: molto meglio uscire e andare a comprarsi le cose che servono con le proprie gambe. 
FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
James Levine, Mayo Clinic

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.67 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?

Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti