Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Problemi durante l'infanzia e basso QI: alto rischio di suicidio

di
Pubblicato il: 21-01-2005
Sanihelp.it - Minore è il quoziente intellettivo e maggiore è la probabilità di suicidio, il rischio massimo è quando si registrano punteggi bassissimi in logica. Sono i risultati di un imponente studio condotto da ricercatori inglesi dell’Università di Bristol e svedesi dell’Istituto Karolinska.

Per otto anni sono stati presi sotto esame un milione di ragazzi. Dal giorno in cui sono stati chiamati a svolgere l’obbligo di leva fino all’età di 26 anni hanno eseguito test di logica, linguaggio e abilità tecniche. In questo arco di tempo si sono verificati 2.811 suicidi, la maggior parte dei quali in ragazzi con performance basse.

Il legame più forte è stato osservato con il test di logica per il quale il rischio di suicidio era tre volte superiore tra il punteggio più basso e quello più alto.

Le spiegazioni possono essere tante, i ricercatori pensano a un legame con l’infanzia, e credono che l’intelligenza influisce sulla capacità dei bambini di adattarsi a esperienze traumatiche che,crescendo, possono portare a crisi psichiche e, nel peggiore dei casi, al suicidio.

«Ma attenzione ad affermare che chi è meno intelligente non hai considerazione per la tua vita», mettono in guardia le associazioni inglesi che si occupano di salute mentale, «sicuramente è un fattore importante ma non è l’unico».


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
BBC Health

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti