Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Il consumo di dolcificanti aumenta il rischio di diabete

di
Pubblicato il: 18-09-2014
Il consumo di dolcificanti aumenta il rischio di diabete © Thinstock Sanihelp.it - I dolcificanti artificiali potrebbero contribuire all’innalzamento dei livelli di glucosio nel sangue, favorendo quindi l’insorgenza di problemi che sarebbero invece destinati a contrastare.

Questa la scoperta di un gruppo di ricercatori israeliani del Weizmann Institute of Science di Rehovot, che ha evidenziato come i dolcificanti artificiali utilizzati in bevande dietetiche e in alimenti analoghi, potrebbero danneggiare l’azione dei batteri intestinali ‘buoni’ e innalzare quindi i livelli di zucchero nel sangue, condizione che favorirebbe a sua volta l’insorgenza del diabete.

Dolcificanti come la saccarina, l’aspartame e il sucralosio, sono infatti spesso inseriti all’interno dei regimi dietetici occidentali (tanto che gli scienziati hanno parlato di una rivalutazione dell’uso massiccio di sostanze chimiche) e sono spesso utilizzati per diminuire la quantità di calorie assunte o per prevenire le carie.

«Il corposo studio che abbiamo eseguito sarà certamente da approfondire – commenta il dottor Segal, co-autore della ricerca – soprattutto a causa degli effetti potenzialmente nocivi derivati dagli edulcoranti consumati da una grossa fetta della popolazione».

Infatti i risultati dello studio (che ha coinvolto 400 persone), pubblicati sulla rivista Nature, hanno dimostrato come chi consuma dolcificanti artificiali abbia una flora batterica intestinale meno reattiva, e tenda ad essere maggiormente intollerante al glucosio.

«I nostri risultati suggeriscono – concludono gli autori della ricerca – che i dolcificanti artificiali ipocalorici non possono contribuire a migliorare l’epidemia che era destinata a combattere».


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Nature

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti