Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Stevia, una pianta per migliorare la qualità della dieta

Sostituto naturale dello zucchero può combattere obesità

di
Pubblicato il: 30-09-2014

La stevia è una pianta utilizzata da migliaia di anni in Sud America: oltre a essere un dolcificante naturale, questa pianta dispone di molteplici proprietà benefiche.

Sostituto naturale dello zucchero può combattere obesità © Thinstock Sanihelp.it - Un nuovo alleato per affrontare il costante aumento di incidenza dell’obesità, una condizione che ogni anno minaccia la salute di milioni di persone in tutto il mondo.

Il suo nome è stevia, una pianta da cui si può ricavare un dolcificante trecento volte più dolce dello zucchero di barbabietola o di canna tradizionale, ma con un apporto calorico vicino allo zero.

«La stevia potrebbe aiutare le persone dal palato dolce, a ridurre significativamente la quantità di calorie ingerite e a seguire quindi una dieta bilanciata e salutare – spiega la dottoressa Ashwell, membro del comitato scientifico a capo dello Stevia Global Insitute – E anche per la produzione industriale si prospetta una grande opportunità, dal momento che si potrebbe comunque soddisfare la domanda di mercato ma mettendo in commercio prodotti utili anche a contrastare la piaga dell’obesità».

Utilizzata per migliaia di anni dai Guarani del Paraguay e poi diffusasi in tutto il Sud America, la stevia è stata a lungo utilizzata sia come dolcificante che come trattamento per la pressione alta, il bruciore di stomaco, la gotta e il diabete di tipo 2.

Proprio grazie alle proprietà benefiche di cui è depositaria, la stevia è già diventata il prodotto chiave di aziende come Coca-Cola e Danone, un successo tanto diffuso che le vendite dell’estratto di questa pianta sono aumentate addirittura del 400% rispetto al 2008.

Certamente non mancano gli scettici in materia, nonostante le ricerche scientifiche finora condotte abbiano costantemente confermato non solo che la stevia è in grado di ridurre i livelli di glucosio nel sangue (riduzione che ha toccato il 18% nelle persone con diabete di tipo 2), ma che dispone di una serie di proprietà benefiche tra cui la capacità di abbassare la pressione sanguigna, di favorire la diuresi, e di agire come anti-infiammatorio e anti-tumorale.

Utilizzare la stevia al posto dello zucchero potrebbe quindi comportare un miglioramento della qualità della dieta non indifferente, considerando che anche gli esperti della Medical School dell’Università di Harvard mettono in guardia dal pericolo celato dietro il consumo di prodotti alimentari e bevande zuccherate: basti pensare che una lattina di Coca Cola contiene circa otto cucchiaini di zucchero e 139 calorie, ovvero il 7% del fabbisogno calorico giornaliero di 2000 calorie raccomandato ad una donna, mentre due lattine costituiscono più del 10% dell’apporto calorico giornaliero di 2500 calorie consigliato ad un uomo.

Insomma un'occasione questa per ricordare ancora una volta che chi si alimenta meglio non solo guadagna in salute, ma anche in longevità.
 


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Daily Mail

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
4 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti