Le parole pi¨ cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Una mele verde al giorno per contrastare l'obesità

di
Pubblicato il: 01-10-2014
Una mele verde al giorno per contrastare l'obesità © Thinstock Sanihelp.it - Una mela verde al giorno potrebbe contrastare l’obesità grazie all’azione che esercita sulla flora batterica intestinale, ovvero stimolando la produzione di batteri buoni e quindi prolungando nel tempo il senso di sazietà.

Questa la scoperta di un gruppo di ricercatori della Washington University, che ha analizzato gli effetti provocati dall’ingestione quotidiana della Granny Smith (Nonna Smith), una varietà di mela verde croccante originaria dell’Australia.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Food Chemistry, ha rivelato che i componenti non digeribili del frutto (come fibre e polifenoli) una volta raggiunto il colon fermentano, stimolando così la produzione dei batteri intestinali cosiddetti buoni.

La ricerca ha dimostrato inoltre che la Granny Smith è molto più funzionale rispetto ad altre varietà di mela, come la Golden Delicious (gialla e croccante), la Gala (rossa e succosa) o la Braeburn (dal colore giallo e verde, dotata di striature verticali arancio-rosse).

Infatti la mela verde, conosciuta per il suo sapore leggermente acidulo, ha fatto registrare un contenuto particolarmente elevato di fibre e di altri composti come i polifenoli, ovvero sostanze che resistono alla digestione arrivando così intatte nell’intestino.

Dal momento che l'equilibrio della flora intestinale delle persone obese viene spesso talmente alterato da disturbare il metabolismo e indurre continuamente lo stimolo della fame, la mela vede potrebbe rappresentare un aiuto in più per contrastare i morsi allo stomaco, e quindi i problemi di peso.

«I risultati di questo studio potrebbero aiutare i consumatori a scegliere, tra le varietà di mela, quale possa effettivamente essere loro d’aiuto nella lotta contro l'obesità – conclude il professor Noratto dalla Washington University – Non bisogna mai dimenticare che l'equilibrio della flora intestinale è determinato primariamente dal cibo che consumiamo».


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Food Chemistry

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
4 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti