Le parole pi¨ cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Medicina estetica: le 7 novità che rivoluzionano la bellezza

di
Pubblicato il: 20-10-2014
Medicina estetica: le 7 novità che rivoluzionano la bellezza © Thinstock

Sanihelp.it - È la sicurezza il tema che ha contraddistinto l’ultimo congresso di medicina estetica che si è svolto a Milano e ha sancito le ultime novità dal mondo della bellezza.

La prima: una siringa che riduce il fastidio dei trattamenti iniettivi. Permette il completo controllo e la massima precisione durante l’iniezione, perché non è la mano del medico, ma la componente elettronica a calibrare la quantità, la pressione, la velocità del prodotto da iniettare, senza possibilità di errore. Ciò significa più sicurezza e risultati migliori, ma soprattutto meno gonfiori e minor dolore (70% in meno), fondamentale soprattutto per le zone più delicate e sensibili del viso, come labbra e contorno occhi.

Secondo: cambia l’approccio al ringiovanimento del viso. Dopo anni in cui la medicina estetica ha considerato il viso idealmente diviso in tre sezioni orizzontali (terzo superiore, terzo medio, terzo inferiore), l’approccio diventa centripeto: parte dalla zona più esterna dell’ovale, a esaminare per prima cosa zigomi, mandibola e mento. Poi la prospettiva si restringe verso la parte più centrale, a valutare lo stato di guance e zona mediana. Sino ad arrivare all’epicentro del volto, alle rughe nasolabiali, alla zona periorale e alle labbra.

Seguendo questo principio il medico può meglio analizzare il viso nel suo insieme e ricostituirne l’armonia globale intervenendo su ciascuna zona e ogni inestetismo, combinando acidi ialuronici con viscoelasticità differenti e utilizzando le tecniche iniettive più adatte a ottenere una correzione naturale.

Una nuova tecnica per il recupero della naturale bellezza delle labbra è la lip tenting, messa a punto dal medico estetico olandese Tom Van Eijk. Non utilizza la tradizionale tecnica lineare retrogada per ridefinire il profilo delle labbra e creare volume: l’acido ialuronico viene iniettato lungo l’intero perimetro del bordo delle labbra con una serie di microiniezioni perpendicolari distanziate di pochi millimetri.

Anche se un po’ più invasiva della tecnica classica (richiede più iniezioni), i traumi e la possibilità di noduli sono minimi, perché ogni iniezione deposita solo una piccola quantità di materiale. Il risultato è ancora più uniforme e naturale rispetto ai metodi convenzionali, perché non si limita ad arrotondare o riempire le labbra, ma anche a modellarle e dar loro più sostegno agendo sull’intera struttura. È indicata per le donne più avanti con gli anni che, per via dell’età, hanno bisogno di più tono e sostegno. 

Utilizzato da alcuni anni in medicina estetica come rivitalizzante per ringiovanire la pelle, il plasma ricco di piastrine (PRP) sta registrando risultati eccellenti in tricologia, sia per il trattamento di diversi tipi di alopecia che colpiscono soprattutto l'uomo, sia per il telogen effluvium, il diradamento e la perdita di capelli che riguarda maggiormente le donne.

La terapia con PRP, da ripetere tre volte a distanza di un mese, sfrutta i fattori di crescita contenuti nelle piastrine per stimolare la proliferazione e il differenziamento delle cellule. Non moltiplica i bulbi capillari, ma ne stimola l'attività producendo il rinfoltimento della chioma, che appare anche più sana e folta anche perché aumenta lo spessore dei capelli. La combinazione del PRP con sedute settimanali di speciali luci LED potenzia i risultati.

Tra qualche mese in Italia arriverà anche una nuova apparecchiatura che promette di modellare il corpo in poche sedute con risultati quantificabili e duraturi. Emette due flussi di ultrasuoni a bassa frequenza di tipo opposto, che rompono la membrana delle cellule adipose permettendo la fuoriuscita del grasso e la riduzione dei cuscinetti in zone critiche come pancia, glutei e cosce. Il riscaldamento dato dagli ultrasuoni ha anche un effetto rassodante sulla pelle.

Per quanto riguarda infine il problema delle macchie, le novità sono due. Un integratore a base di arbutina e resveratrolo, che rende la pelle più chiara e uniforme grazie alla combinazione del principio attivo con polifenoli fotoprotettivi, gelso bianco, vitamina C, E, niacina che agiscono sinergicamente con attività dermoschiarente.  

Una crema da usare anche al sole. Reperibile in farmacia solo da pochi mesi, si chiama Makula e agisce su qualsiasi macchia in ogni parte del corpo, dal viso alle mani. Si basa sull’azione combinata di tre elementi: il sodio esafosfato, una molecola dell'acido ascorbico con forte azione schiarente, la niacina (vitamina B3) e il destrano che potenzia l'azione dei primi due. Può essere applicata tutto l’anno e sarà l’alleato della pelle nelle vacanze invernali. 

FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Beauty report 16░ Congresso di Medicina estetica AgorÓ (Milano, 9/11 ottobre 2014)

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
4 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?

Iscriviti alla newsletter di Beauty Tips
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti