Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Aids, ostacoli per le cure. OMS: raddoppiamo gli sforzi

di
Pubblicato il: 28-01-2005
Sanihelp.it - L’accesso ai farmaci anti-AIDS si sta rapidamente estendendo in molti paesi in via di sviluppo, ma gli ostacoli maggiori rimangono, dice l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

L’obiettivo sarebbe far assumere i farmaci anti-retrovirali a tre milioni di persone entro la fine del 2005.
Dal Dicembre 2004 sono già state raggiunte 700.000 persone, con un aumento del 50% rispetto ai sei mesi precedenti.

Secondo L’OMS i maggiori progressi sono stati fatti nell’Africa sub-sahariana e in alcune parti dell’Asia, ma nell’Europa dell’est, in Asia centrale, in nord Africa e in Medioriente la situazione è molto meno soddisfacente.
«Se riuscissimo a raddoppiare i nostri sforzi in quelle zone in sei mesi», ha spiegato il direttore dell’agenzia HIV dell’OMS Jim Kim, «potremmo raggiungere l’obiettivo dei tre milioni entro il 2005».

Nel mondo, però, le persone che avrebbero bisogno di farmaci anti-AIDS sono 6 milioni.
Chi si cura con i farmaci antiretrovirali dimostra un aumento della sopravvivenza del 90% nel primo anno e dell’80% nel secondo.

In Brasile ne hanno già usufruito 275.000 persone, con una copertura del 65%. Cifra record rispetto agli stati asiatici e africani, dove la copertura media è solo dell’8%, anche a causa della difficoltà dei malati a raggiungere i grandi ospedali cittadini dove vengono distribuiti i farmaci.

L’ignoranza sulla loro esistenza è un altro grande problema: urgono campagne di comunicazione massicce.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
BBC News Health

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti