Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

A dieta? Sì alle patatine

di
Pubblicato il: 28-10-2014

Le patatine fritte e il mantenimento della linea possono coesistere fra di loro!

A dieta? Sì alle patatine © Thinstock

Sanihelp.it - Chi è a dieta è sempre attento alla linea non deve per forza rinunciare alle patatine. Infatti se fritte a regola d’arte e accompagnate ad un secondo piatto leggero come del merluzzo al vapore o della verdura, possono essere consumate e integrate in un’alimentazione bilanciata. Se consideriamo una porzione di 100g di patatine fritte (ad esempio Le Patatine Originali Mccain) l’apporto calorico è di circa 170 kcal. In linea generale è bene ricordare che non andrebbero mai mangiate con il pane o la pasta e sarebbe buona norma evitare di gravarle ulteriormente con maionese o ketchup.

Le patatine fritte, quindi, possono essere consumate con cadenza regolare, ad esempio una volta a settimana, se si svolge regolare attività fisica e vengono inserite all’interno di un’alimentazione bilanciata. Se, una sera fra amici, si dovesse esagerare con le quantità, l’ideale sarebbe mantenersi leggeri il giorno seguente optando per pesce e verdure anziché per carne rossa e formaggi grassi.

Concedersi un piatto di patatine fritte, inoltre, è anche un modo per ricompensarsi e soddisfare la cosiddetta «voglia di qualcosa di buono», rispettando sempre un regime alimentare equilibrato e svolgendo regolare attività fisica.

Gli antichi infondo avevano già capito tutto «in media stat virtus» si può fare e mangiare di tutto, basta non esagerare!

FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
WebMD

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
4.92 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?

Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti