Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Ma il mistero rimane ancora celato

Il segreto per vivere più a lungo è custodito dai geni

di
Pubblicato il: 18-11-2014

Sanihelp.it - Dopo quattro anni di ricerche, un gruppo di genetisti della Stanford University ha scoperto come la longevità dipenda da un’inaspettata complessità di fattori.

«Eravamo alla ricerca di una spiegazione molto semplice, che credevamo risiedesse in un singolo gene – spiega il dottor Kim, genetista e biologo molecolare, nonché autore dello studio – Adesso sappiamo che in realtà non è così semplice, e che ci vorranno molti più studi sui geni dei 'supercentenari' (persone con un età maggiore di 110 anni) per scoprire i motivi della loro longevità».

Nel corso della ricerca, gli scienziati hanno sequenziato il genoma di diciassette persone di età compresa tra 110 e 116 anni (nel mondo, le persone con più di 110 anni sono solo 75, e quasi tutte di sesso femminile) cercando di determinare la presenza costante di un gene o di un gruppo di geni che potessero spiegare la loro longevità.

Ma la risposta non si è rivelata così semplice: infatti lo studio, pubblicato su Plos One, non ha permesso di identificare una caratteristica genetica comune, tanto che i ricercatori hanno avanzato l'ipotesi che una vita così lunga sia invece determinata da numerosi fattori.

«La nostra speranza era di trovare il gene della longevità – commenta il dottor Kim – e non posso nascondere il fatto che siamo rimasti piuttosto delusi».

Da ciò che è emerso nel corso dello studio, tra l’altro, i diciassette supercentenari non hanno affermato di seguire uno stile di vita spiccatamente salutare: nessuno di essi ha mai seguito un particolare regime alimentare o un programma di esercizio fisico costante, ognuno di loro ha avuto problemi legati a malattie cardiocircolatorie, ictus e tumori in una percentuale analoga a quella che colpisce la popolazione generale; e per di più, la metà del gruppo era composta da fumatori.

«I risultati indicano che l'effetto dei geni deve essere molto più complesso – conclude il dottor Kim – Seppur abbiamo la certezza che la longevità disponga di una componente genetica, probabilmente i geni interessati sono numerosi o addirittura sono diversi in ciascun supercentenario».

FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Plos One

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
4 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?

Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti