Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Lo dimostrano i risultati di uno studio clinico

Musicoterapia può curare depressione di giovani e bambini

di
Pubblicato il: 25-11-2014

Le capacità musicali sono presenti in ogni persona, poiché la vita è da sempre intessuta di ritmi, suoni e rumori. Tramite questi ultimi, la musicoterapia aiuta a relazionarsi meglio con sé stessi e con gli altri.

Musicoterapia può curare depressione di giovani e bambini © Thinstock

Sanihelp.it - La musicoterapia potrebbe curare la depressione di bambini e adolescenti che soffrono di disturbi comportamentali ed emotivi.

Questa la scoperta di un gruppo di ricercatori della Queen’s University di Belfast, che hanno evidenziato come i bambini coinvolti in un ciclo musicoterapico avessero migliorato significativamente l'autostima (riducendo nel contempo il livello di depressione) e le capacità comunicative e di interazione, rispetto a coloro che avevano ricevuto solamente il trattamento tradizionale.

La ricerca ha coinvolto 251 bambini e ragazzi con problemi emotivi, di sviluppo o comportamentali, che sono stati suddivisi in due gruppi: 128 partecipanti sono stati curati con un trattamento standard (Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale e farmaci antidepressivi), mentre agli 123 è stato chiesto di seguire, oltre alle cure tradizionali, un percorso terapeutico con la musica.

«La musicoterapia è stata spesso utilizzata con bambini e giovani affetti da particolari bisogni – commenta la dottoressa Reilly, Amministratore delegato della Società di Musicoterapia del Nord Irlanda – ma questa è la prima volta che la sua efficacia viene dimostrata da uno studio controllato randomizzato».

Sfruttando le capacità musicali presenti in ciascuna persona (la cui storia è intessuta di ritmi, suoni, versi, rumori) infatti, la musicoterapia riesce ad aprire nuovi canali di comunicazione sia interni all’individuo (per la scoperta o la riscoperta di sé) che esterni, ovvero nel rapporto con gli altri.

«I risultati di questo studio sottolineano la necessità che la musicoterapia sia inclusa tra le opzioni di trattamento tradizionali – conclude la dottoressa Reilly – Per molto tempo ci siamo basati su studi teorici e ricerche eseguite su piccola scala: adesso possediamo un’innegabile evidenza clinica che dimostra gli incredibili effetti benefici della musicoterapia».

FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Queen’s University di Belfast

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?

Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti