Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Concepimento e movimento

Yoga e Fertilità

di
Pubblicato il: 08-01-2015

Come aiutare il proprio corpo a prepararsi alla gravidanza con la sapienza indiana

Yoga e Fertilità © Thinstock

Sanihelp.it - Che lo yoga possa aiutare il corpo ad essere più fertile e ad aumentare le chance di una gravidanza? Certamente tentare non nuocerà al corpo e, anzi, lo porterà a raggiungere uno stato di maggiore benessere e di rilassamento.

La scienza millenaria dello yoga, perché di scienza si deve parlare, indaga il corpo in tutte le sue caratteristiche e coloro che hanno consentito a questa disciplina di giungere fino ai giorni nostri, maestri e «guru», hanno potuto provare su se stessi gli effetti di asana e tecniche di rilassamento.

E proprio un maggiore rilassamento si potrebbe porre alla base di una correlazione tra yoga e fertilità. Infatti, numerosi studi hanno dimostrato come lo stress vada ad influire negativamente sulle possibilità di concepimento. I periodi nei quali si accumulano stanchezza e preoccupazioni, infatti, portano ad un aumento dei livelli di cortisolo, il così detto ormone dello stress, in grado di influire negativamente sulla produzione degli ormoni femminili che presiedono alla produzione degli ovuli, e non solo. Il cortisolo, infatti, riduce molto la libido nelle donne, con il risultato che le stesse avranno meno desiderio sessuale.

Grazie all'attenzione al respiro, all'approccio lento e graduale e al rilassamento lo yoga potrà riportare in equilibrio il corpo, le sue secrezioni ed anche la mente. Inoltre, le asana, quindi le posizioni dello yoga, massaggiano gli organi interni determinandone un migliore funzionamento generale e un equilibrio fisiologico.

Le posizioni maggiormente consigliate per aiutare le donne ad aumentare le proprie chance di concepire sono molteplici. Si parte da Adityasana, che va a massaggiare gli organi interni e ad aprire le pelvi dolcemente (il che la rende una posizione ottima anche per la preparazione al parto). Per realizzarla ci si dovrà portare in posizione seduta con le piante dei piedi unite. Si inspirerà con la schiena dritta ed espirando si porterà il busto verso le gambe, la testa verso i piedi uniti.

Un'altra asana molto utile è Baddha Konasana, presente anche nella sua variante distesa. Per realizzarla ci si porrà in posizione seduta, si uniranno nuovamente le piante dei piedi ed esse verranno tirate verso le pelvi con l'aiuto delle mani. Si manterrà l'asana preferibilmente ad occhi chiusi facendo dei bei respiri.

L'ultima asana è Setu Bandhasana, utile non solo per rafforzare gli organi interni, ma anche per portare il seme maschile più velocemente verso l'ovulo da fecondare.

Per realizzarla ci si porrà in posizione supina e si piegheranno le gambe portando le piante dei piedi a terra. Inspirando si farà forza sui piedi e si solleverà il bacino fino a creare una specie di diagonale che andrà dalle ginocchia al mento. Si rimarrà in posizione qualche respiro e poi, espirando, si scenderà dolcemente al suolo facendo arrivare il bacino per ultimo.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Stefania D'Ammicco

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti