Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Stare bene dentro e fuori

L'alimentazione Yogica

di
Pubblicato il: 08-01-2015

Mangiare nel modo giusto secondo i principi indiani per avere energia ed allontanare le malattie.

L'alimentazione Yogica © Thinstock

Sanihelp.it - «Lo yoga, o Arjuna, non è per chi mangia troppo, né per chi non mangia affatto, né per chi ha l’abitudine di dormire troppo o per chi rimane sempre sveglio. Chi regola convenientemente i propri pasti e i propri riposi, gli sforzi nell’azione e la parte da assegnare al sonno e alla veglia, a lui appartiene lo yoga distruttore della sofferenza».

Questo si legge nel quinto canto della Bhagavad Gita, uno dei testi sacri dell'Induismo scritto sotto forma di poema. In esso, oltre alla narrazione di molti altri principi che si applicano sia alla religione induista sia anche allo yoga, si trova questa massima, relativa alla Giusta Misura. Lo yoga, infatti, oltre ad essere una pratica esteriore è anche un vero e proprio stile di vita, che dovrebbe applicarsi alla quotidianità e a tutto ciò che si realizza giorno dopo giorno.

Per questo si può parlare anche di alimentazione yogica. Un'alimentazione che deve privilegiare cibi facili da digerire e in grado di apportare nutrienti ed energia al corpo.

In particolare, per avere un equilibrio che coinvolga anche il modo che si ha di mangiare, sarà necessario partire dalle basi. Per praticare yoga non è obbligatorio essere vegetariani, ma ciò è consigliato in quanto la carne non solo è difficile da digerire, ma comporta anche la commissione, in modo indiretto, di atti di violenza contro altri esseri viventi. Tuttavia, come molte altre scelte, anche quella dell'alimentazione vegetariana deve partire da dentro e non deve essere un'imposizione.

In secondo luogo, un praticante dovrà cercare di mangiare il giusto: né troppo né troppo poco. Mangiando troppo non sarà in grado di sostenere la pratica né di essere in grado di svolgere le attività quotidiane, mangiando troppo poco sarà privo di energie e dei giusti nutrienti.

Per integrare lo yoga fisico con l'alimentazione sarà, quindi, necessario mangiare cibi semplici e facili da digerire: cereali, legumi (in quantità non elevata), molte verdure, frutta e, così come viene consigliato in molti testi ayurvedici, anche latte e formaggio, sempre in quantità limitate.

Sarà anche necessario bere molta acqua, ma soprattutto lontano dai pasti per non affaticare la digestione. Se si vorrà perdere peso sarà bene bere un bicchiere d'acqua prima del pasto in modo da ridurre il senso di fame.

Ci si dovrà limitare, invece, nell'assunzione di cioccolato, zucchero, té, caffé, peperoncino e si dovrebbe evitare di fumare. Infatti, tutte queste sostanze provocano eccitazione, nervosismo e difficoltà di concentrazione.

Allo stesso modo si dovranno evitare i cibi conservati, modificati e trattati, che hanno perso le proprietà nutritive originarie e che non consentirebbero di nutrire adeguatamente il corpo.

Infine, sarà necessario mangiare con la giusta calma, in un clima sereno e con consapevolezza. Un cibo cucinato in casa sarà la soluzione ideale e costituirà anche l'occasione per riscoprire i sapori delle cose genuine. 



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Stefania D'Ammicco

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
4 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti