Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Benefici simili a quelli ottenuti dalle attività aerobiche

Lo yoga può ridurre il rischio di infarto e ictus

di
Pubblicato il: 13-01-2015

Un recente studio ha dimostrato come lo yoga possa contribuire ad abbassare il rischio di malattie ed eventi cardiovascolari.

Lo yoga può ridurre il rischio di infarto e ictus © Thinstock

Sanihelp.it - La pratica costante dell’antica disciplina indiana dello yoga avrebbe un ruolo protettivo sulla salute del cuore, dal momento che contribuirebbe a ridurre in maniera significativa sia i fattori di rischio responsabili delle malattie cardiache, sia la probabilità di eventi cardiovascolari come infarto e ictus.

Queste le conclusioni di uno studio compilato da un gruppo di ricercatori americani e olandesi con l’intento di individuare un ulteriore strumento di prevenzione per le malattie cardiovascolari, ad oggi responsabili, solamente in Italia, del 44% di tutti i decessi che avvengono ogni anno.

Lo studio ha preso in considerazione trentasette studi clinici (le cui analisi hanno coinvolto un totale di 2.768 persone) eseguiti già in passato con l’intento di determinare gli effetti dello yoga sulla salute del cuore: i risultati, pubblicati a dicembre sulla rivista European Journal of Preventive Cardiology, hanno dimostrato che la pratica di questa disciplina fornisce gli stessi benefici ottenuti da attività fisiche tradizionali come una camminata a passo sostenuto o una pedalata in bicicletta.

«Questo risultato è significativo – sottolineano gli autori dello studio dall’Erasmus University Medical Center e dall’Harvard School of Public Health – perché dimostra come anche coloro i quali non possono o non vogliono dedicarsi all'esercizio aerobico tradizionale, potrebbero comunque ottenere benefici importanti per la riduzione del rischio di malattie cardiovascolari».

Negli studi presi in considerazione infatti, è stato costantemente rilevato che coloro i quali si dedicavano alla pratica dello yoga beneficiavano, rispetto a coloro che non eseguivano alcun tipo di attività fisica, di un miglioramento dell’indice di massa corporea e della pressione sistolica, di un abbassamento dei livelli di colesterolo cattivo e di un innalzamento del colesterolo buono.

«Rimane ancora poco chiaro quanto tempo sia necessario allo yoga per raggiungere risultati efficaci, e se questa disciplina sia più conveniente, in termini di costi e di benefici, rispetto ad altre tipologie di farmaci o di esercizio fisico –  spiega la professoressa Hunink, autrice dello studio – Tuttavia, i risultati del nostro studio indicano come lo yoga sia da considerarsi uno strumento preventivo benefico per la salute del cuore».



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
European Journal of Preventive Cardiology

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
2.67 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti