Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Le brutte notizie possono davvero spezzare il cuore

di
Pubblicato il: 10-02-2005
Sanihelp.it - Apprendere una notizia terribile, come la morte di una persona cara, può davvero colpire il cuore.
A sostenerlo è una ricerca della Johns Hopkins University, pubblicata sull’autorevole New England Journal of Medicine.

Secondo gli studiosi, i sintomi con cui il corpo reagisce allo shock sono simili a quelli di un attacco di cuore: i dolori al torace, liquido nei polmoni, respiro corto.
I danni, però, sono temporanei, e a differenza degli infarti veri il cuore si riprende in un paio di settimane.

I ricercatori se ne sono accorti studiando 19 pazienti, quasi tutti uomini anziani, ricoverati con i sintomi di un infarto. Peccato che di infarto non si sia trovata traccia.

Quello che ha incuriosito i medici è stata la presenza di elevate quantità circolanti di adrenalina e noradrenalina, ormoni legati allo stress e potenzialmente tossici per il cuore.
I pazienti presentavano anche una quantità eccessiva di peptide natriuretico, l’ormone che indica che il cuore sta lavorando troppo.

Parlando con i malati, poi, è emerso che tutti avevano vissuto forti emozioni nei giorni presenti, da una rapina alla morte del coniuge.
Collegare i due aspetti è stato automatico; ora, grazie a questa scoperta, si studierà l’esatto funzionamento degli ormoni da stress sul cuore, in modo da poter soccorrere in tempo le molte persone, soprattutto anziane, colpite da grandi dolori.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
BBC News Health

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti