Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

L'inattività fisica è più letale dell'obesità

di
Pubblicato il: 16-01-2015

Sanihelp.it - Uno stile di vita caratterizzato dalla mancanza di esercizio fisico potrebbe causare il doppio dei decessi attribuiti all’obesità.

La conferma arriva da uno studio compilato da un gruppo di ricercatori dell’Università di Cambridge, dove sono stati monitorati per dodici anni i dati relativi a più di 334.000 persone: i risultati, pubblicati sul Journal of Clinical Exercise, hanno permesso di stabilire che se 337.000 su 9,2 milioni di decessi avvenuti in Europa negli ultimi anni sono attribuibili all'obesità, i morti causati dall’inattività fisica potrebbero raggiungere addirittura il numero di 676.000.

Peraltro, tramite il confronto del rischio di morte prematura tra il gruppo di inattivi (cioè di coloro che svolgono un lavoro sedentario e non si dedicano a nessun tipo di attività fisica) e quello dei moderatamente inattivi, i ricercatori hanno stimato che basta impegnarsi in un esercizio fisico giornaliero di bassa intensità per ridurre il fattore di rischio in una percentuale compresa tra il 16 ed il 30%.

«Questo è un messaggio semplice: anche una piccola quantità di attività fisica potrebbe portare notevoli benefici sulla salute, soprattutto nelle persone fisicamente inattive – commenta il professor Ekelund, autore dello studio, dall’Università di Cambridge – Anche se abbiamo scoperto che bastano 20 minuti al giorno di camminata a passo veloce per fare la differenza, dovremmo comunque cercare di fare qualcosa in più».

«Continuare a impegnarsi per abbassare i livelli di obesità nella popolazione è una vera sfida – aggiunge il professor Wareham, Direttore dell’Unità Epidemiologica dell’Università di Cambridge – Gli interventi di sanità pubblica dovrebbero incoraggiare maggiormente le persone a incrementare, anche solo moderatamente, l’esercizio fisico giornaliero, così da ottenere in modo facile e duraturo notevoli benefici per la salute».



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
University of Cambridge

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti