Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Esposizione fetale agli ftalati e infertilità maschile

di
Pubblicato il: 24-02-2015

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Human Reproduction  e condotto presso la Icahn School of Medicine di New York l’esposizione agli ftalati durante il primo trimestre di gravidanza può pregiudicare la fertilità del feto, se è maschio, durante la vita adulta.

Lo studio ha evidenziato che i maschietti esposti in utero a una particolare classe di ftalati (identificati con la sigla DEHP) nascono con una distanza ano-genitale significativamente più breve rispetto ai non esposti: un accorciamento di questa distanza si traduce con sterilità e un basso numero di spermatozoi.

Lo studio è stato effettuato su 753 donne in gravidanza e la riduzione della distanza ano-genitale per le donne esposte è stata riscontrata per i maschietti, ma non per le femminucce.

I ricercatori tengono anche a precisare che negli ultimi 10 anni l’esposizione delle mamme ai DEHP è scesa del 50%.

L’American Chemistry Council, da parte sua, tiene a precisare come nonostante gli ftalati siano composti largamente distribuiti in moltissimi oggetti, l’esposizione a tutte le fonti di ftalati è estremamente bassa, generalmente inferiore ai livelli stabiliti come pericolosi per la salute



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
HealthDay News

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti