Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Integrazione nutrizionale per l'ADHD

di
Pubblicato il: 23-03-2015

Sanihelp.it - Uno studio pubblicato sulla rivista Neuropsychopharmacology e condotto presso  l’University Medical Center di Utrecht in Olanda ha evidenziato come, integrare la dieta dei bambini con deficit dell’attenzioneiperattività (ADHD) con acidi della serie omega-3 ne può influenzare positivamente la sintomatologia.

Gli autori dello studio hanno reclutato 40 ragazzi con ADHD, di età compresa fra gli 8 e i 14 anni e 39 controlli.

I partecipanti allo studio hanno consumato quotidianamente 10 g di margarina o arricchita con acidi grassi della serie omega-3 o con placebo.

La supplementazione con gli acid grassi anziché con il placebo non ha influenzato il controllo cognitivo o le misure funzionali di risonanza magnetica dell’attività cerebrale, ma è migliorata la capacità di attenzione nei confronti dei genitori.

Questo tipo di integrazione alimentare, dunque, potrebbe ridurre i sintomi di ADHD nei bambini, durante la loro fase di sviluppo. 



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
HealthDay News

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti