Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Tutto speciale Candida

Candida da antibiotici

di
Pubblicato il: 22-04-2015

L'uso protratto di antibiotici, in molti casi, può causare l'infezione da Candida. Tali farmaci, infatti, devastano l'ecosistema vagina (e intestinale), favorendo l'emergere di ceppi patogeni.

Candida da antibiotici © Thinstock

Sanihelp.it - Nel 30% delle donne può bastare un ciclo di cura antibiotica a scatenare l’infezione da Candida o una sua recidiva. La conferma arriva non solo dall’esperienza clinica, ma anche da studi rigorosi e controllati che hanno dimostrato il rapporto diretto tra antibiotico e vulvovaginite da Candida. Ciò succede perché questa classe di farmaci, oltre a distruggere la normale flora intestinale, hanno un’azione distruttiva anche nei confronti dei cosiddetti batteri buoni (i Lactobacilli), che hanno il compito di contrastare la proliferazione di altri batteri dannosi e dei funghi come, appunto, la Candida Albicans.

Per ridurre le vaginiti da Candida al minimo, dunque, è bene utilizzare gli antibiotici solo quando veramente necessari e sempre in associazione con i Lactobacilli o altri probiotici, da assumere alla sera. Spesso, infatti, tali farmaci sono usati anche in caso di mal di gola o influenze non particolarmente complicate, il più delle volte di origine virale, trascurando che non hanno alcuna azione contro i virus, ma in compenso favoriscono la crescita dei funghi.

Per prevenire la comparsa o le recidive di Candida in corso di antibiotici, infine, è bene seguire una dieta priva di lieviti, di zuccheri e di formaggi ed evitare tutti i microtraumatismi della mucosa vestibolare (pantaloni attillati, rapporti in fase di infiammazione, cyclette o spinning, ecc.).

FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
www.thecandidadiet.com

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?

Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti