Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

La genetica incide sulla capacità di smettere di fumare?

di
Pubblicato il: 21-04-2015

Sanihelp.it - Secondo uno studio condotto presso la Washington University School of Medicine di  St. Louis e pubblicato sulla rivista Journal of the National Cancer Institute anche la genetica gioca un ruolo importante nella capacità delle persone di smettere o meno di fumare e anche di sviluppare il cancro al polmone più o meno precocemente.

Gli autori dello studio sono arrivati a queste conclusioni dopo aver revisionato 24 studi che includevano 29072 fumatori di origine europea: tutti i fumatori che hanno evidenziato una variazione nel gene del recettore per la nicotina (denominato  CHRNA5) hanno evidenziato una maggiore difficoltà nello smettere di fumare: se per esempio quelli senza la variazione sono riusciti a smettere di fumare a 52 anni, quelli con la variante ci sono riusciti mediamente solo 4 anni dopo, ovvero a 56 anni.

Allo stesso modo l’età media di diagnosi per il cancro al polmone si è rivelata di 61 anni per i fumatori con la variazione genica e di 65 per quelli senza variazione: in conclusione i fumatori che presentano una variazione del gene CHRNA5 andrebbero sottoposti a screening precoci per il cancro al polmone e se cercano di smettere di fumare vanno supportati più degli altri, perché per loro smettere di fumare è più difficile anche per una questione prettamente genetica.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
HealthDay News

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti