Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Automobilisti disidratati pericolosi quanto gli ubriachi

di
Pubblicato il: 21-04-2015

Sanihelp.itMantenere il proprio organismo correttamente idratato rappresenta una delle chiavi per conservare lo stato di salute del nostro fisico. Si sa che occorre bere almeno 1,5 litri d'acqua al giorno, sebbene alcuni studi suggeriscano possa essere necessario anche qualcosa di più, soprattutto durante i periodi più afosi dell'anno. Essere disidratati significa essenzialmente che i liquidi persi sono in quantità maggiore rispetto ai liquidi assunti: stato patologico che comporta palpitazioni, fiacchezza, vertigini, ansia, squilibrio elettrolitico, ipotensione, sonnolenza, deficit cognitivi.

Per questo motivo, secondo i ricercatori inglesi della Loughborough University, guidare in condizioni di disidratazione risulta altrettanto pericoloso di mettersi al volante in stato di ebbrezza. La sperimentazione, pubblicato sulla rivista specializzata Journal of Physiology and Behavior, è stata condotta su alcuni volontari testati nell'arco di due giorni: il primo giorno assumevano 200 ml di acqua, pari ad un bicchiere colmo, ogni ora; il secondo, invece, l'idratazione era affidata a soli 25 ml di liquido ogni ora. Sono state inoltre verificate le capacità di guida dei volontari al simulatore in entrambe le condizioni: il giorno in cui avevano assunto meno liquidi i soggetti si dimostravano notevolmente più disattenti rispetto al giorno in cui si mettevano al volante maggiormente idratati. La media degli errori del giorno dei 200 ml d'acqua era di 47: sensibilmente più bassa rispetto ai 25 ml, quando le distrazioni salivano a 101.

Tale studio ha dimostrato come, tra i nemici del volante, non devono essere annoverati solo alcol, sostanze stupefacenti e mancanza di sonno: esistono altre condizioni, meno note ma altrettanto letali, che possono renderci degli autentici pericoli pubblici, dannosi per noi stessi e per gli altri. Dunque, soprattutto durante i periodi più torridi dell'anno e per i tragitti più lunghi, il consiglio è quello di viaggiare sempre con una bottiglia d'acqua di fianco, e mantenersi opportunamente idratati lungo tutto il percorso.  

FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Loughborough University, Journal of Physiology and Behavior

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?

Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti