Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Rosacea, questa sconosciuta: solo uno su 10 è diagnosticato

di
Pubblicato il: 30-04-2015

Sanihelp.it - Molti la confondono con la couperose, ma il nome corretto è rosacea, una malattia infiammatoria della pelle che colpisce soprattutto le aree centrali del viso, come le guance, il naso e le palpebre.

Si presenta con rossore, eritema persistente, pustole, capillari superficiali, pelle del viso secca. In Italia sono 3.200.000 le persone colpite, circa il 7-8% della popolazione adulta. La malattia è sottovalutata e solo 1 persona su 10 si rivolge al medico e ottiene una diagnosi.

L'arrossamento del viso condiziona a livello emotivo (88% dei casi), sociale (77%), lavorativo (78%) e nel comportamento relazionale (72%) come ha dimostrato una recente indagine condotta dall’istituto di ricerca Face Value per conto di Galderma in occasione della campagna di sensibilizzazione sulla malattia Act On Red.

La maggior parte delle persone è convinta che il rossore sia una caratteristica naturale della propria pelle. Invece di risolvere il problema alla radice, le persone cercano di camuffare l’infiammazione con cosmetici che, contenendo alcol o profumo, peggiorano la condizione della pelle aumentando l’infiammazione e l’irritazione.

Le cause non sono ancora completamente chiare, si sa che l’infiammazione è alla base di questa patologia e diversi trattamenti possono migliorare la condizione clinica. Un gruppo di esperti dermatologi ha messo a punto le Raccomandazioni sulla gestione della rosacea, presentate in occasione del 90° Congresso Nazionale SIDeMaST, Società Italiana di Dermatologia medica, chirurgica, estetica e delle Malattie Sessualmente Trasmesse.

La persona con rosacea è fortemente condizionata a livello emotivo: prova imbarazzo per il giudizio altrui (58%), sul luogo di lavoro si sente imbarazzato nei rapporti con i colleghi (32%), ha una minore sicurezza nell’affrontare colloqui di lavoro (27%). Nei rapporti sociali prova imbarazzo per il giudizio di famigliari o amici (23%), è a disagio nel fare nuovi incontri (33%) ed è imbarazzata per il giudizio del proprio compagno/a (25%).

Negli ultimi anni la ricerca dermatologica ha condotto a una migliore comprensione dei meccanismi correlati alle manifestazioni cliniche della rosacea. Ciò ha consentito l’elaborazione di nuovi trattamenti che, se utilizzati in tempo e in maniera appropriata, sono in grado di tenere sotto controllo segni e sintomi della malattia.

Oltre ai farmaci già disponibili, tra cui la brimonidina tartrato, una nuova prospettiva terapeutica potrebbe arrivare dall’ivermectina, la molecola che in fase di studio ha mostrato ottimi risultati. 



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
90° Congresso SIDeMaST

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti