Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Mal di testa occasionale per metà degli italiani: che fare?

di
Pubblicato il: 12-05-2015

Sanihelp.it - Il mal di testa per oltre la metà degli italiani è un dolore occasionale che colpisce con diversa intensità. Lo rivelano i risultati dell’indagine condotta dall’istituto di ricerca GfK Eurisko e promossa da Angelini.

L’indagine rivela che il 55% della popolazione soffre di mal di testa di intensità da normale a forte, con una frequenza media di una o due volte al mese. Il 75% ricorre ai farmaci, ma di questi il 38% aspetta ad assumerli perché vuole vedere se il dolore passa da solo.

Eppure, in molti casi esistono segni premonitori che indicano l’inizio di un episodio e che, se individuati e non trascurati, permettono di intervenire tempestivamente e con maggiore efficacia. I malati, soprattutto donne (i casi si manifestano in un rapporto donna: uomo di 3:1), si sentono più nervosi, hanno più appetito e spesso più voglia di mangiare dolci e lamentano una maggiore sensazione di gonfiore e ritenzione idrica.

Poi compare il dolore che, nel caso dell’emicrania più frequente senza aura, è intenso, che si manifesta in un lato del capo, ma può anche estendersi ad altre zone come la fronte e le tempie. L’attacco porta con sé nausea, fotofobia e fonofobia e costringe spesso a stare distesi al buio. La fase acuta può durare fino a un’ora e poi va attenuandosi. 

Il ricorso a trattamenti antinfiammatori può essere un valido aiuto quando ci si accorge che l’attacco sta per arrivare. Tra le diverse soluzioni disponibili, l’ibuprofene offre un buon profilo di efficacia e sicurezza e la sua utilità è maggiore proprio quando assunto prima della fase acuta dell’episodio emicranico, quindi prima che si siano manifestati dolore e nausea. 

L’indagine rivela che per gli italiani sono lo stress (51%) e la stanchezza (32%) le principali cause. Per le donne cause importanti sono anche il ciclo mestruale (28%) e problemi di cervicale (32%). Le cause comunque variano da individuo a individuo ed è quindi molto utile tenere traccia delle circostanze in cui si è verificato e delle sue caratteristiche.

FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Angelini

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?

Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti