Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

L'elaborazione cognitiva e i sintomi depressivi

di
Pubblicato il: 20-05-2015

Sanihelp.it - Uno studio pubblicato sulla rivista Psychosomatic Medicine: Journal of Biobehavioral Medicine, organo ufficiale dell’American Psychosomatic Society ha evidenziato come gli adolescenti che appaiono più lenti nella soluzione di test di elaborazione cognitiva tendono ad essere ansiosi e depressi nella vita adulta.

Gli autori dello studio hanno somministrato dei test di velocità di elaborazione cognitiva a 705 ragazzi di 16 anni e li hanno poi visitati nuovamente in età adulta.

Questi ragazzi all’età di 36 anni hanno risposto a dei questionari volti a valutare i loro sintomi di ansia e depressione:  i ricercatori hanno messo in relazione i risultati dei test di velocità di elaborazione cognitiva con quelli per ansia e depressione.

Anche tenendo conto di tutti i fattori di rischio per lo sviluppo di ansia e depressione, una lenta capacità di elaborazione cognitiva a 16 anni si è rivelata preludio dello sviluppo dei sintomi di ansia e depressione.

Gli studi fin’ora a disposizione hanno evidenziato come le persone depresse sono anche più lente nei tempi di reazione: questo studio suggerisce che la lentezza nell’elaborazione cognitiva  non è tanto una conseguenza della depressione quanto un'avvisaglia della possibilità di sviluppare disturbi mentali. 



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
HealthDay News

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti