Le parole pi¨ cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Ubriachi d'amore? La colpa è dell'ossitocina

di
Pubblicato il: 22-05-2015

Sanihelp.it - Nel film «Ubriaco d'amore», Adam Sandler interpreta un piccolo imprenditore dall'indole passiva, soggetto tuttavia a frequenti scatti d'ira. Secondo la scrittrice spagnola Clara Sanchez, «l’amore era una sbronza che arrivava per tutti, per alcuni prima e per altri dopo. Ma esiste forse qualcuno in tutto il pianeta che preferisca essere sobrio ogni attimo della sua vita?». Provare dei sentimenti per qualcuno viene spesso paragonato ad avere ecceduto con l'alcol: non per uccidere la poesia, ma più che una metafora, si tratta comunque di un processo chimico che avviene all'interno del nostro corpo.

Secondo uno studio dei ricercatori inglesi dell'Università di Birmingham, infatti, l'effetto dell'ossitocina, conosciuto anche come «ormone dell'amore» in quanto associato all'eccitazione sessuale, all'affetto materno, alla fiducia e all'ansia, e l'organismo ne aumenta il rilascio dall'ipotalamo quando proviamo qualcosa per qualcuno, è similare a quello d'esser in preda ai fumi dell'alcol: le due sostanze possiedono un meccanismo d'azione del tutto paragonabile a livello del cervello, rendendoci più fiduciosi ed empatici.

Per giungere a questa conclusione, pubblicata sulla rivista specializzata Neuroscience and Behavioural Review, gli scienziati britannici hanno preso in considerazione alcune analisi fatte in precedenza proprio riguardanti gli effetti dell'alcol e dell'ossitocina. Da questo studio è emerso come sia l'una che l'altra sostanza agiscano a livello di strutture corticali limbiche e prefrontali, in particolare sulla trasmissione Gaba: si tratta dei circuiti neurali che regolano stress ed ansia, e per questo, sia che siamo innamorati, sia che siamo brilli, i freni inibitori vengono accantonati e si corre a briglia un po' più sciolta.

Ovviamente, in entrambi i casi, esistono delle controindicazioni: se per l'alcol gli effetti collaterali sono piuttosto rinomati e riconosciuti, nel caso dell'ossitocina il calo dell'attenzione e dell'inibizione di fronte a situazioni normalmente percepite come rischiose può portare ad atteggiamenti di maggiore aggressività e competitività, aumentando di fatto l'esposizione a pericoli d'ogni sorta. Come titola una famosa canzone dei Queen, «too much love will kill you»: troppo amore potrebbe uccidere. 

FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
UniversitÓ di Birmingham, Neuroscience and Behavioural Review

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?

Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti