Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Dieta > News

Benefici degli omega-3 nei pazienti a rischio Alzheimer

di
Pubblicato il: 26-05-2015

Sanihelp.it - Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Frontiers in Aging Neuroscience i pazienti a rischio di sviluppare malattia di Alzheimer in età avanzata a causa di variazioni nel gene APOE e4, possono vedere ridotti i rischi di ammalarsi se con la dieta introducono quantità ottimali di acidi grassi omega-3.

Gli autori dello studio hanno seguito 40 pazienti di età compresa fra i 65 e i 75 anni, tutti portatori di variazioni sul gene APOE e4, e quindi tutti a rischio di sviluppare l’Alzheimer.

I pazienti che hanno consumato grandi quantità di DHA e EPA, gli acidi grassi della serie omega-3 presenti nel pesce, hanno evidenziato i risultati migliori nei test di flessibilità mentale, anche perché nel corso degli anni, hanno mostrato una migliore conservazione della corteccia cingolata ovvero della parte di cervello coinvolta nei processi di flessibilità mentale.

Lo studio non prova che siano gli omega-3 a determinare la maggiore flessibilità cognitiva, ma relaziona i due aspetti: lo studio, quindi, non prova che gli omega-3 prevengono l’Alzheimer, ma aggiungono ulteriori evidenze dell’importanza dell’alimentazione nel mantenere al meglio le prestazioni cognitive. 

FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
HealthDay News

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?

Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti