Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Bisessualità più probabile nelle donne che negli uomini

di
Pubblicato il: 25-08-2015

Sanihelp.it - Angelina Jolie, Lady Gaga, Cara Delevigne, Amber Heard, Megan Fox: cos'hanno in comune queste cinque donne famose? Beh, innanzitutto sono tutte bellissime; sono tutti personaggi di grandissimo successo; e hanno fatto coming out, dichiarandosi bisessuali. Sono sempre di più le persone che parlano apertamente dei propri gusti, spiegando di non disdegnare donne e uomini: beati loro d'altronde, poiché come spiega Woody Allen «la bisessualità raddoppia le tue possibilità di un incontro il sabato sera». Tuttavia, secondo uno studio recente, è più probabile che siano le donne a scegliere questa specie di terza via: gli uomini, al contrario, è facile si dichiarino o eterosessuali al 100%, o omosessuali al 100%.

Per lo meno, questo è quanto emerge da un sondaggio promosso dalla University of Notre Dame in Indiana, i cui dati sono stati presentati in occasione del meeting annuale della American Sociological Association, tenutosi a Chicago. L'analisi è stata condotta su di un campione di 9000 persone di giovane età, ed ha evidenziato come le donne siano maggiormente inclini a scegliere, come etichettà per la propria sessualità, la categoria «prevalentemente etero», nonché a cambiare opinione a riguardo nel tempo: gli uomini, al contrario, in questo senso si sono rivelati molto meno flessibili, per così dire. Per giungere a queste conclusioni, le 5000 donne e i 4000 uomini sono stati intervistati tre volte nell'arco di circa un decennio: la prima da adolescenti, a circa 16 anni; la seconda a 22 anni; e la terza a 28 anni.

I dati emersi dal sondaggio si sono dimostrati inequivocabili: i soggetti di sesso femminile si sono rivelati maggiormente inclini a definirsi come bisessuali rispetto a quelli di sesso maschile, che hanno anche dimostrato una tendenza a cambiare opinione riguardo la propria sessualità tre volte inferiore rispetto ai primi. Lo studio ha anche tracciato un profilo molto preciso di colei che, diciamo così, sembrerebbe più portata a sperimentare. Donne molto attraenti fisicamente, dunque senza troppi problemi a trovarsi un uomo sin dall'adolescenza, con livelli di educazione più elevati e che evitano una gravidanza in gioventù si sono rivelate infatti meno inclini alla bisessualità: chi diventa madre verso i vent'anni, al contrario, tende a definirsi completamente eterosessuale per poi cambiare opinione col tempo. 

FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
University of Notre Dame, American Sociological Association

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?

Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti