Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Dieta: a Pasqua niente sorprese!

di
Pubblicato il: 22-03-2005

Se a Pasqua vi aspetta un pranzo ricco e temete per la vostra linea, niente paura: con i consigli di Sanihelp.it potrete godervi la festa senza sorprese sulla bilancia

Sanihelp.it - Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi. Eppure, chissà com’è, indipendentemente dalle persone con cui si festeggia ci si ritrova a Pasqua ancora seduti intorno a una tavola imbandita.
E per chi è a dieta iniziano i dubbi: come si fa a resistere a uova di cioccolato, colomba, agnello al forno e manicaretti simili?

In effetti non si deve… lo dice il dietologo!
«Pasqua è un giorno di festa ed è giusto onorare la tradizione con un lauto pasto, senza rinunciare a nulla. Tanto più che trattenersi in un'occasione simile sarebbe controproducente a livello psicologico», dice il dottor Antonio Lice.
Via alle abbuffate allora? Non proprio.

Il primo consiglio è assaggiare tutto ma in piccole porzioni, senza strafare: molto spesso il corpo e il palato sono già soddisfatti quanto l’abitudine spinge ad abbondare, quindi meglio servirsi porzioni piccole e poi, nel caso, aggiungere.

Anche la scelta degli alimenti giusti è importante: se vi occupate voi del pranzo scegliete carni che si presentano magre già a vista, preferite prosciutto crudo ad altri insaccati, usate solo olio d’oliva crudo e prediligete la cottura al forno o a vapore.
Evitate gli stuzzichini da sgranocchiare tra una portata e l’altra: danno poca soddisfazione e tante calorie. Anche le semplici olive, ad esempio, ne nascondono ben 236 all’etto; meglio allora un gustoso pinzimonio con verdure fresche.

Per quanto riguarda l’uovo di Pasqua esiste un trucco semplice ma efficace: ricordate che il cioccolato fondente contiene molte meno calorie di quello al latte!

E finito il pranzo, come si può rimediare al fastidioso senso di pienezza?
Risponde il dottor Lice: «non esistono rimedi istantanei, e magnesia o digestivi alcolici peggiorano solo la situazione irritando ulteriormente lo stomaco». Meglio una tisana antigonfiore a base di finocchio, oppure un tè caldo da poche calorie.

Per concludere, come ci fa notare Lice, «ricordiamoci che Pasqua è solo la domenica, e non tutto il weekend».
Quindi, al di fuori del pranzo, meglio evitare di abbandonarsi a conigli di cioccolato e altre dolcezze sparse per la casa… piuttosto uscite!
Una bella passeggiata dopo mangiato è il modo migliore per smaltire l’eccesso di calorie: ci si gode il panorama, il primo sole, la compagnia… e la pancia scende senza troppa fatica!


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti