Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Diagnosi fetale: un test elimina i rischi dell'amniocentesi

di
Pubblicato il: 14-03-2005
Sanihelp.it - Un gruppo di scienziati australiani ha messo a punto un facile test alternativo alla puntura amniotica, che consentirà alle future madri di evitare uno dei test più invasivi e stressanti della gravidanza.

Grazie alla tecnologia del Dna sviluppata nei laboratori della Gribbles Molecular Science di Brisbane, uno striscio vaginale di routine, o test di Papanicolau, consentirà di individuare le stesse anormalità del feto dell'amniocentesi, come fibrosi cistica e sindrome di Down.

Il nuovo test inoltre evita il rischio dell’1% di aborto spontaneo legato alla procedura di amniocentesi.

«Questo test promette di rivoluzionare le diagnosi pre-cliniche così come le conosciamo», ha spiegato il professor Ian Finlay, che ha guidato la ricerca.
«Innanzitutto si esegue a sei settimane di gravidanza invece delle 18 dell’amniocentesi, e poi ha dimostrato un'accuratezza del 100% sulle centinaia di donne su cui è stato sperimentato nell'ultimo anno».

Il nuovo test, che può essere eseguito dal medico di famiglia e richiede solo 24 ore per il risultato, usa l'impronta del Dna per vagliare le cellule fetali prelevate con lo striscio.
Usando tecniche di reazione a catena delle polimerasi (PCR) è possibile amplificare milioni di volte il Dna fetale.

«Anche se la tecnologia del Dna è stata scoperta circa 20 anni fa», ha concluso Finlay, «solo ora è stata finalmente applicata alle cellule fetali».


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Ansa Salute

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti