Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Prevenzione

Gli oncologi AIOM: sì al vaccino anti-HPV

di
Pubblicato il: 27-10-2015

Dal XVII Congresso nazionale dell'Associazione Italiana di Oncologia Medica gli specialisti sostengono l'importanza della vaccinazione contro il Papilloma Virus Umano, anche per gli uomini.

Gli oncologi AIOM: sì al vaccino anti-HPV © Thinstock

Sanihelp.it - Con la vaccinazione contro il Papilloma Virus Umano (HPV) si potrebbe evitare il 75% dei casi di tumore del collo dell’utero. Questo tipo di tumore è uno dei più frequenti nelle donne sotto i cinquant’anni, inoltre il virus è responsabile anche di altri tipi di tumore a carico di vulva, vagina, pene, ano, bocca e faringe. Colpisce dunque non solo le donne, ma anche gli uomini.

Dal 2007-2008 è disponibile in Italia la vaccinazione per le ragazzine di 12 anni. La sua diffusione però non è uniforme e non tutta la popolazione ha accesso a questo importante strumento di prevenzione.

La media italiana della copertura (per le ragazze nate nel 1997) è pari al 70,8%, ben lontana dall’obiettivo del 95% inizialmente stabilito. Ecco alcuni dati sulla diffusione regionale: Sardegna (86%), Toscana (83,8%), Puglia (83,1%), Basilicata (82,4%), Provincia Autonoma di Bolzano (26,7%), Sicilia (58,3%), Campania (64,9%).

È intervenuto sul tema il professor Carmine Pinto, presidente dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM), in occasione del XVII Congresso Nazionale della società scientifica: «Vogliamo promuovere una campagna nazionale di sensibilizzazione rivolta non solo ai cittadini ma anche agli oncologi per abbattere le barriere culturali ancora presenti. Siamo di fronte a un vero e proprio strumento di prevenzione primaria contro i tumori. Realizzeremo un opuscolo che sarà distribuito in tutte le oncologie e a gennaio 2016 organizzeremo un convegno nazionale per un confronto fra clinici e rappresentanti delle Istituzioni. Dopo più di sei anni dall’avvio del programma di immunizzazione, la copertura vaccinale sembra essersi stabilizzata intorno al 71%».

L’Italia è stato il primo Paese in Europa a stabilire la gratuità della vaccinazione anti-HPV e ad assicurarne, contestualmente, la commercializzazione e la rimborsabilità nell’ambito di un programma nazionale. 

«Il 2007 ha rappresentato un anno di svolta per la tutela della salute della donna in Italia – ha aggiunto il professor Sergio Pecorelli, presidente AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) –. Il vaccino è fondamentale anche per proteggere i ragazzi. Un terzo dei casi di infezione da HPV riguarda infatti i maschi che, a differenza delle donne, non dispongono di strumenti ed esami utili per verificare la presenza del virus e le sue conseguenze, come lo screening che permette di accertare la condizione del collo dell’utero. I ragazzi infatti corrono un rischio di infezione di ben cinque volte maggiore rispetto alle adolescenti. Il vaccino anti HPV è stato sperimentato negli anni su più di 25.000 adolescenti e donne, dimostrando un’ottima tollerabilità. E la sicurezza è stata valutata in numerosi studi dopo l’immissione in commercio, che hanno coinvolto oltre 200.000 persone». 
 

Sono più di 120 i tipi di HPV e si differenziano a seconda del tessuto che colpiscono e per la gravità degli effetti. Come spiega la dottoressa Stefania Gori, presidente eletto AIOM: «La maggior parte delle infezioni da HPV è transitoria, perché il virus viene limitato dal sistema immunitario prima che sviluppi un effetto patogeno. I virus HPV più importanti sono quattro, etichettati con numeri: 6, 11, 16 e 18. I primi due, a basso rischio, causano il 90% dei condilomi: lesioni estremamente contagiose e molto dolorose, che interessano gli organi genitali e altre mucose. Gli altri sono responsabili del 75% di tutti i tumori del collo dell’utero e di altre neoplasie come quelle della vulva, della vagina, dell’ano, del pene e di alcune zone della testa e del collo (lingua, tonsille e gola) che possono interessare anche gli uomini». 

FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Comunicato stampa Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM)

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?

Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti