Le parole pi¨ cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Artrite reumatoide: come scegliere il farmaco giusto

di
Pubblicato il: 24-11-2015

Sanihelp.it - Uno studio pubblicato dai ricercatori dell'università La Sapienza di Roma su Plos One è un passo avanti in quella che spesso viene chiamata la medicina delle 4P: predittiva, preventiva, personalizzata e partecipata.

Riguarda l’artrite reumatoide, una malattia autoimmune cronica che si stima colpisca tra lo 0,3 e 1,0% della popolazione mondiale: in Italia, in particolare, ne sono affette più di 300.000 persone di ogni età.

La disponibilità di terapie innovative, basate sull’uso di farmaci biotecnologici (quali i biologici antiTNF), ha modificato grandemente negli ultimi 15 anni la qualità di vita dei malati e la loro attesa di vita. Non tutti i malati rispondono però in modo adeguato a queste terapie: diventa utile disporre di marcatori di risposta, i biomarkers, capaci di individuare in anticipo su quali malati i farmaci saranno efficaci.

Da qui sono partiti gli scienziati che affrontano la problematica con un approccio metabolomico, cioè cercando l’impronta chimica (i metaboliti) dell’attività cellulare indotta dalla terapia farmacologica.

I ricercatori hanno analizzato il siero di un campione di malati trattati con terapia biologica anti-TFN, utilizzando metodi di risonanza magnetica nucleare, e ne hanno derivato il profilo metabolomico. I malati per i quali la cura risulta più efficace presentano un profilo caratteristico e diverso dai cosiddetti non-responders: questo consente di predire l’efficacia del farmaco e quindi di risparmiare i costi di cure che si rivelerebbero inutili, in circa il 30% dei malati, nonché i rischi di possibili effetti collaterali.

Le tracce chimiche dell’attività cellulare creano una rete di profili, una mappa sulla quale gruppi di malati con le stesse caratteristiche si troveranno a essere posizionati vicini tra loro e quelli sui quali il farmaco risulta efficace si muoveranno nella stessa direzione.

Nel caso si riuscissero a individuare i descrittori essenziali è ipotizzabile dotare il malato di una sorta di navigatore metabolomico che permette l’interazione anche a distanza. Infatti questa tecnologia a basso costo rivela la concentrazione dei biomarcatori e mette i dati a disposizione del medico per valutare in tempo reale la risposta alla terapia. Ora stanno lavorando alla messa a punto di dispositivi di tipo lab-on-a-chip, con i quali indagare il profilo di risposta del singolo malato e seguirlo durante la terapia. 

FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
UniversitÓ La Sapienza

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
4 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?

Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti