Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Non è mai tardi per beneficiare dell'esercizio fisico

di
Pubblicato il: 23-11-2015

Sanihelp.it - Uno studio presentato durante il meeting annuale dell’American Heart Association ha evidenziato come anche iniziare molto in là con gli anni, a praticare regolarmente attività fisica ha esiti protettivi non trascurabili per la salute cardiovascolare.

Gli autori dello studio sono arrivati a queste conclusioni dopo aver analizzato le abitudini di circa 11000 fra uomini e donne, arruolati per uno studio governativo: tutti i partecipanti avevano un’età compresa fra i 45 e i 64 anni, nessuno era affetto da disturbi cardiovascolari a inizio studio e tutti, in circa 6 anni si sono sottoposti a due visite per valutarne il tipo di attività fisica praticata. Dall’analisi dei dati è emerso  che i pazienti che in entrambe le visite di controllo hanno dichiarato di praticare 150 minuti di esercizio fisico moderato o 75 minuti di esercizio vigoroso a settimana hanno evidenziato il 33% di probabilità in meno di sviluppare insufficienza cardiaca.

I pazienti attivi fisicamente, ma che non sono riusciti a raggiungere le soglie di esercizio fisico fissate dalle linee guida hanno comunque evidenziato il 20% in meno di rischio di sviluppare insufficienza cardiaca.

I pazienti che inizialmente erano inattivi, ma ad un certo punto della loro vita hanno iniziato a praticare secondo le raccomandazioni delle linee guida hanno visto calare del 22% il loro rischio di insufficienza cardiaca.

Persino i pazienti inattivi che hanno aumentato semplicemente di 30 minuti di cammino quattro volte a settimana hanno visto scendere la loro percentuale di rischio del 12%: muoversi dunque, a qualunque età,  non può che far bene alla salute cardiovascolare. 

FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
HealthDay News

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?

Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti