Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Nuovo farmaco per i pazienti dializzati

di
Pubblicato il: 17-03-2005
Sanihelp.it - Quando i reni non sono in grado di adempiere alle loro importantissime funzioni vitali (filtrare le scorie ematiche, secernere ormoni, assicurare una buona funzionalità ossea), si incorre nella cosiddetta insufficienza renale cronica
 
Si tratta di una condizione decisamente invalidante in quanto una compromessa funzionalità dei reni (che non regolano correttamente la quantità di calcio, fosforo e vitamina D attiva nel sangue) provoca una sovrapproduzione di ormone paratiroideo (iperparatiroidismo secondario), che a sua volta può condurre all’insorgenza della malattia ossea. 
 
Dopo aver utilizzato per anni il calcitriolo (forma attiva della vitamina D) per riparare l’ipocalcemia conseguente all’iperparatiroidismo, oggi la casa farmaceutica Abbott presenta una nuova molecola, il paracalcitolo, in grado di spegnere la secrezione dell’ormone paratiroideo in tempi più rapidi e in misura maggiore, con ridotti effetti ipercalcemizzanti. 
 
Il paracalcitolo è una grande innovazione in quanto cura la malattia ossea e soprattutto consente ai pazienti dializzati (la cui qualità della vita è fortemente compromessa dai serrati ritmi settimanali della dialisi) una migliore aspettativa di vita, grazie ai suoi effetti favorevoli sulle strutture cardiache.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti