Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Consigli per una vita senza rimpianti

Le regole per vivere senza rimpianti

di
Pubblicato il: 12-01-2016

Il rimpianto è un'emozione legata alle occasioni mancate e che ci spinge a riflettere su ciò che abbiamo fatto o non fatto e su cosa avremmo dovuto fare o non fare.

Le regole per vivere senza rimpianti © Thinstock

Sanihelp.it - Il rimpianto è solitamente descritto come un sentimento retrospettivo. Spesso, infatti, si rimpiangono le cose del passato come aver trattato male un amico, non aver portato a termine un progetto o gli studi, aver concluso una storia d’amore in malo modo, ecc. Il rimpianto, però, è anche un sentimento che guarda avanti, in grado di condizionare il comportamento nel presente e per il futuro.

Alcuni psicologi, in tal senso, parlano di rimpianto anticipato, che è addirittura più forte di quello che si proverebbe qualora la scelta non funzionasse come si credeva. Questo sentimento, è talmente potente da far evitare il rischio, abbassando le aspettative e orientando verso ciò che è più familiare, ma nello stesso tempo allontanando da nuove esperienze che si potrebbero rivelare interessanti. Dunque, si preferisce prendere decisioni positive (che più ci mettono al riparo da risultati sgradevoli), senza rischio, pur di evitare la sensazione di delusione che probabilmente si potrebbe verificare, nonostante l’esito negativo deve ancora verificarsi.

Come uscire, dunque, da questa gabbia? Prima di tutto pensando che il rimpianto è un’emozione funzionale, che ci aiuta a vivere meglio permettendoci di apprendere dai nostri sbagli e facilitando le nostre scelte nel futuro medio-lungo. Il ricordo spiacevole di un errore commesso in passato, infatti, è in grado di guidare tutte le scelte future.

FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
www.selfgrowth.com

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
2.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?

Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti