Le parole pi¨ cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

La conferma da una ricerca della University of California

Meno stress (e miglior sonno) con Tai Chi e psicoterapia

di
Pubblicato il: 15-12-2015

L'insonnia causata dallo stress potrebbe essere efficacemente trattata con psicoterapia e Tai Chi, una ginnastica di origine cinese che permette di meditare attraverso il movimento

Meno stress (e miglior sonno) con Tai Chi e psicoterapia © Thinstock

Sanihelp.it - «L’insonnia, ovvero l’esperienza di un sonno insufficiente o di scarsa qualità, è il disturbo del sonno più diffuso al mondo: secondo le definizioni utilizzate, ne è affetto da un terzo ad un quarto della popolazione mondiale, mentre circa il 10% della popolazione generale soffre di una forma di insonnia tale da richiedere un intervento terapeutico» spiegano gli esperti della Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie (SIMG).

Oltre alla sonnolenza diurna e ad una riduzione del rendimento lavorativo e della qualità di vita, evidenze scientifiche hanno dimostrato come l’insonnia esponga ad un maggior rischio di sviluppare malattie psichiatriche (in particolare di tipo depressivo), alterazioni a carico del sistema cardiovascolare come l’ipertensione, e disturbi endocrino-metabolici tra cui l’obesità e il diabete di tipo 2, entrambi causati dalla mancata secrezione di leptina (l’ormone della sazietà) nelle ore notturne.

Fermo restando che per un’efficace gestione diagnostica e terapeutica dell’insonnia dovrebbe esserne sempre ricercata la causa, un nuovo studio pubblicato sulla rivista Biological Psychiatry ha evidenziato i benefici derivati sia dalla terapia cognitivo-comportamentale che dalla pratica del Tai Chi sui sintomi dell’insonnia da stress, cioè dell’insonnia causata da particolari situazioni psicologiche di natura positiva o negativa.

Nello specifico, lo studio ha coinvolto 123 ultracinquantacinquenni con problemi d’insonnia, suddivisi in tre gruppi e assegnati rispettivamente ad una terapia cognitivo-comportamentale (ovvero un percorso psicoterapeutico finalizzato ad apprendere alcune abilità utili a correggere emozioni e pensieri distorti), alla pratica del Tai Chi, una famosa ginnastica di origine cinese che permette di meditare attraverso il movimento, e ad una serie di seminari sul sonno.

I risultati hanno quindi dimostrato come, rispetto all’assenza di cambiamenti ottenuti dal terzo gruppo, sia i partecipanti del primo che del secondo gruppo abbiano beneficiato di una riduzione dell’infiammazione organica (ed in particolare dei livelli di proteina C reattiva - un marker infiammatorio - nel primo gruppo, e dell’infiammazione a livello cellulare nel secondo) a cui è conseguita una diminuzione dei livelli di stress e quindi dei sintomi dell’insonnia.

«Gli interventi comportamentali volti a migliorare la qualità del sonno attraverso la riduzione dell'infiammazione causata dallo stress – commenta il dottor Michael Irwin, autore della ricerca, dalla University of California Los Angeles – rappresentano, insieme alla cura del regime alimentare e dell'attività fisica, il terzo pilastro su cui basare l’azione volta a promuovere la salute e a ridurre il rischio di patologie legate all'età, come la depressione».

«Questo studio suggerisce che ci sono approcci comportamentali che possono migliorare il sonno, ridurre lo stress e quindi migliorare la salute – aggiunge il dottor John Krystal, direttore della rivista Biological Psychiatry – Ancora una volta abbiamo la conferma di come non possa esserci salute fisica senza benessere psicologico».



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Biological Psychiatry; SocietÓ Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie (SIMG)

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti