Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Salute

La Giardia nel cane e nel gatto

di
Pubblicato il: 02-02-2016

Nei parchi, in città, nei prati il nostro amico a 4 zampe può infettarsi con la Giardia, un parassita che si insedia nel suo intestino e si trasmette attraverso le feci.

La Giardia nel cane e nel gatto © Thinkstock

Sanihelp.it - La Giardiasi è una malattia protozoaria intestinale che colpisce la maggior parte dei nostri animali domestici e dei mammiferi selvatici, molti uccelli e anche l’uomo. Proprio per questo motivo viene definita ubiquitaria.

Il parassita responsabile di questa infezione intestinale, meglio definita diarrea del viaggiatore, è un parassita unicellulare chiamato Giardia Lamblia (deve il suo nome Alfred Mathieu Giard (1846-1908), tassonomista della Sorbona) e può esistere in due forme:

1) trofozoite a forma di pera (da 9 a 20 mcm) non infettivo presente nel piccolo intestino;
2) forma cistica altamente infettiva a forma ellittica di dimensioni da 8 a 12 mcm

Il numero di casi positivi in Italia è in forte aumento a causa dell'importazione di cuccioli che arrivano nel nostro paese ammalati e portatori di molte parassitosi.

La malattia può essere trasmessa all’uomo dal cane, dal gatto e altri animali. La trasmissione può avvenire anche da uomo a uomo o dall’uomo agli animali e principalmente per via oro-fecale tramite ingestione di cibo.

Le infezioni da Giardia nel cane e nel gatto possono essere in apparenti o produrre perdita di peso e diarrea cronica  che può essere continua o intermittente, soprattutto nei cuccioli e nei gattini.  Le feci sono generalmente molli malformate, pallide e contengono muco.

Gli esami del sangue in genere sono pressoché nella norma; talvolta si rileva un moderato aumento dei globuli bianchi ed una leggera anemia. I sintomi iniziano in genere dopo circa 1 settimana dal contagio e senza adeguato trattamento possono protrarsi per settimane o mesi.

La diagnosi si effettua osservando i parassiti contenuti nelle feci. I trofozoiti piriformi e mobili possono essere osservati occasionalmente in strisci con soluzione fisiologica di feci molto molli o acquose. Le cisti ovali invece si vedono meglio in feci concentrate mediante la tecnica di flottazione in solfato di zinco.

Se si sospetta la Giardia gli esami delle feci devono essere ripetuti più volte in quanto l’escrezione del parassita avviene ad intermittenza.

Per il trattamento in commercio non esiste un farmaco approvato per trattare questa malattia. In questi casi nel cane e nel gatto i farmaci più indicati sono:

Metronidazolo – 20-30 mg/kg due volte al giorno per almeno 5 giorni;
Fenbendazolo – 50 mg/kg in un’unica somministrazione;
l’associazione Febantel-Pirantel-Praziquantel – 1-2 compresse ogni 10 kg di peso vivo per 3 giorni.

FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Malattie del cane e gatto

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.75 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?

Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti