Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Il sonno a onde lente e il rischio diabete

di
Pubblicato il: 19-02-2016
Il sonno a onde lente e il rischio diabete © Thinkstock

Sanihelp.it - Uno studio presentato durante il meeting annuale dell’American Association for the Advancement of Science ha sottolineato come i ragazzi che durante l’adolescenza perdono più degli altri il sonno ad onde lente, sono più a rischio degli altri di sviluppare diabete di tipo 2.

Il sonno a onde lente è una delle tante fasi che caratterizzano il sonno e la sua presenza tende a diminuire fisiologicamente nel passaggio dall’infanzia alla vita adulta.

Questa fase del sonno è importante soprattutto per la memorizzazione; la sua carenza determina anche un innalzamento nei livelli dell’ormone dello stress e dell’infiammazione.

Nello studio sono stati valutati circa 700 bambini di età compresa fra 5 e 12 anni, circa la metà di questi ragazzi sono stati rivalutati anche 8 anni più tardi.

I ragazzi che nel passaggio fra l’infanzia e l’adolescenza hanno perso la maggiore quantità di sonno a onde lente si sono rivelati quelli più propensi a sviluppare resistenza all’insulina e quindi diabete di tipo 2.

Dormire in maniera regolare un congruo numero di ore per notte è il modo migliore per non perdere il sonno a onde lente, che fisiologicamente tende a ridursi di quantità, quando si diventa adulti. Questa particolare correlazione è stata osservata per i ragazzi, ma non per le ragazze

FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
HealthDay News

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?

Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti