Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Festa del Gatto

La festa nazionale del gatto

di
Pubblicato il: 16-02-2016

Il 17 febbraio si celebra la festa dedicata al nostro amico felino considerato animale sacro fin dai tempi degli antichi egizi.

La festa nazionale del gatto © Thinkstock

Il mese di febbraio è un mese molto importante in quanto si celebra una ricorrenza speciale: la Festa Nazionale del gatto. Questa festa cade il 17 febbraio ed è nata nel 1990 grazie alla giornalista gattofila Claudia Angeletti.

Questa giornalista propose un referendum ai lettori delle rivista  Tuttogatto per stabilire il giorno da dedicare a questi affascinanti animali. La proposta vincente fu quella di Oriella Del Col che scelse questa data in base allo spirito che caratterizza i beniamini festeggiati.

Ma perché è stata scelta come data proprio il 17 febbraio?

Innanzi tutto il mese di febbraio è il mese del segno zodiacale Acquario che è considerato il segno degli spiriti liberi e anticonformisti. Questo segno rispecchia un po’ il carattere del gatto che non ama sentirsi oppresso da troppe regole.

Il giorno 17 è stato scelto, inoltre, per sfatare i miti e superstizioni che hanno da sempre accompagnato questo amico felino fin dall’antichità specialmente nel medioevo. Il 17, considerato un numero portafortuna nei paesi nordici, può anche essere interpretato come vivere una vita per 7 volte. Infatti secondo credenze popolari il gatto sembra che possieda ben 7 vite.

Nell’antico Egitto questo animale era adorato come una divinità. Infatti a quei tempi si adorava la dea Basted che aveva corpo da umano e testa da gatto ed era considerata dea della vita, della sessualità e della fertilità.

Gli Egizi erano molto legati e rispettosi di questo animale, a tal punto che quando un gatto che moriva di morte naturale, gli abitanti della casa si radevano le sopracciglia in segno di lutto.

Tra i Celti, invece, si svolgevano cerimonie sacre ai piedi dei Menhir, sulla cui cima era seduto un gatto di sesso maschile solare e luminoso che sembra potesse fare da tramite tra cielo e terra.

Sanihelp.it

Nel Medioevo i gatti erano considerati incarnazione del diavolo, e insieme alle streghe venivano bruciati vivi. Questo sterminio portò alla diffusione in Europa della peste nera. Anche i crociati hanno le loro responsabilità.

Infatti ritornando dalla Terra Santa a bordo delle loro navi, furono responsabili della trasmissione delle malattie delle pulci perché imbarcarono sulle navi ratti asiatici pieni di pulci. Il gatto quindi per rifarsi una nomea dovrà aspettare il XVIII secolo per essere di nuovo considerato quello splendido animale che è adesso.

Addirittura nei giorni nostri ci sono paesi che venerano e ricordano con piacere questo splendido amico a 4 zampe. In india ogni 6 mesi si festeggia la dea Sasthi, dea dell’amore e maternità che è a cavallo di un gatto bianco.

Spesso quando entriamo nei ristoranti giapponesi  notiamo la presenza di una statua di gatto con una zampina alzata. Questo viene definito Maneki (gesticolante) Neco (gatto) e funge da porta fortuna ma anche per dare il benvenuto alle persone.

Il gatto lo ritroviamo anche nel mondo dell’arte  e fu anche una grande fonte di ispirazione per molti poeti che rimasero incantati dalle sue  movenze eleganti, dal carattere indipendente e dall’affetto che questo animale è capace di esprimere.

Grazie al fascino ipnotico delle sue pupille verticali tanto sottili da sembrare delle affilatissime lame il gatto fu fonte di ispirazione per letterati di ogni genere: Esopo, Fedro, Cicerone, Plinio il Vecchio, Erodoto.

In tutta Italia sono moltissime le iniziative per festeggiare i felini: mostre, fiere, mercatini, spettacoli, vengono promossi da città, associazioni ed enti al fine di celebrare e sancire ancor di più l'amore che molti nutrono per il gatto.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Festa del gatto

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
4.25 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti