Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Desiderio in calo? Fai così

di
Pubblicato il: 12-07-2005

Una perdita del desiderio sessuale può avere molte cause: l'importante è non trascurarlo, ma cercarle e intervenire di conseguenza. Ecco come.

2072">deidroepiandrosterone (DHEA): per evidenziare una loro carenza è sufficiente effettuare un esame ormonale attraverso un prelievo sanguigno. E se il calo del desiderio non è legato a nessuno di questi problemi? Allora probabilmente è legato a un eccessivo stress, che costringe l’organismo a produrre sostanze dannose per il benessere come il 3">1903">cortisolo. L’importante è non sottovalutare il problema, né vergognarsene: indagando è possibile individuare la causa e agire di conseguenza. Magari, poi, si scopre che il problema è la fine dell’amore con il partner."/> Sanihelp.it - La sessualità femminile è una dimensione strettamente personale e intima, un’esperienza unica e irripetibile che lascia poco spazio a generalizzazioni e classificazioni.
Tuttavia, considerando corpo e psiche nella loro completezza, la sessuologa Alessandra Graziottin è riuscita a individuare quattro momenti cardine del comportamento sessuale, in cui ogni donna potrebbe riconoscersi.

Il primo è quello del desiderio sessuale vero e proprio, che parte da uno stimolo mentale e si nutre di anticipazioni, fantasie e ricordi.

Ad esso segue l’eccitazione mentale, che trova immediato riscontro nella reazione fisica di lubrificazione e congestione genitale, in un crescendo che porta al raggiungimento del terzo momento, quello dell’orgasmo.
Dopodiché si passa all’ultimo, temuto momento, quello in cui si valuta il grado di soddisfazione fisica e mentale dato dal rapporto.

Se il risultato di questa analisi è positivo, sarà facile riaccendere il desiderio e innescare un circolo virtuoso del piacere. Ma cosa succede se uno dei quattro momenti viene a mancare? In quel caso scatta il famigerato calo del desiderio.

Fermo restando che i disturbi del desiderio sessuale hanno spesso un’origine multifattoriale (fisica, psicologica e relazionale), esistono anche alcune malattie che influiscono in modo determinante sul calo del desiderio.
È il caso di problemi endocrini e neurologici, malattie croniche, dolori genitali, tumori o traumi, ma anche di fattori ormonali legati alla mancanza di ormoni androgeni come il testosterone e il 3">2072">deidroepiandrosterone (DHEA): per evidenziare una loro carenza è sufficiente effettuare un esame ormonale attraverso un prelievo sanguigno.

E se il calo del desiderio non è legato a nessuno di questi problemi?
Allora probabilmente è legato a un eccessivo stress, che costringe l’organismo a produrre sostanze dannose per il benessere come il 3">1903">cortisolo.

L’importante è non sottovalutare il problema, né vergognarsene: indagando è possibile individuare la causa e agire di conseguenza.
Magari, poi, si scopre che il problema è la fine dell’amore con il partner.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Esseredonna

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti